Le monache di clausura fanno rivivere l'antica certosa

PER APPROFONDIRE: belluno, certosa, sospirolo, vedana, visita
Le suore di clausura fanno rivivere l'antica certosa: aperta ai fedeli e in cerca di fondi /Come aiutare

di Egidio Pasuch

SOSPIROLO - La certosa di Vedana è tornata a vivere. Ad abitarla sono delle monache adoratrici perpetue del Santissimo Sacramento dedite alla contemplazione. Si tratta di suore di clausura che si dedicano alla continua adorazione (condotta con turno ininterrotto diurno e notturno) del Santissimo Sacramento solennemente esposto sull'altare. La chiesa del monastero, pertanto, è aperta ai fedeli che possono in qualsiasi momento entrare per adorare Gesù, partecipare alla messa e alle preghiere liturgiche insieme alle monache. Ma una realtà religiosa importante come questa non vive di sola contemplazione. Basti pensare, a solo titolo d'esempio, la manutenzione e il riscaldamento. Ecco che tra Sedico e Sospirolo molte realtà si sono attivate «per aiutare come spiega Pierina Arrigoni, consigliere di Sedico e figura di primo piano del volontariato locale - queste nuove monache di Vedana, ritenendo questa comunità una realtà importante per il nostro territorio». Così è stata avviata una raccolta di fondi, per aiutare suore e certosa a vivere. Le offerte possono essere effettuate sul conto intestato al monastero delle Perpetue adoratrici con causale per la chiesa di Vedana - iban IT13F0200803451000004568719...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 26 Febbraio 2018, 11:20






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Le monache di clausura fanno rivivere l'antica certosa
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-02-26 17:55:13
... aperta ai fedeli, in cerca i fondi... secondo i vangeli di francesco bene farebbe a cercarli ( sia i fedeli che i fondi ) da..altri..
2018-02-26 11:46:13
Qualche appartamentino in ala separata, come foresteria????
2018-02-26 13:45:52
gia' previsto ( e prenotato...)
2018-02-27 07:05:48
Sceglievano sempre dei"postacci", un tempo, per i conventi.In mezzo alla natura, paesaggi particolari....aria ed acqua buona, orto da coltivare... Se ci sono alcuni eremi o santuari o seminari rimasti vuoti, perche' non vengono affidati ai profughi?