Figli, Crepet spiega: «Senza i "no" non si cresce, educare è una fatica»

Paolo Crepet

di Edoardo Pittalis

Nelle parole di Paolo Crepet, psichiatra e sociologo padovano, l'analisi delle nuove generazioni di genitori e figli: i primi che hanno abbandonato il ruolo di educatori e i secondi che bruciano le tappe vivendo a 13 anni come i 18enni del passato. «È una generazione che non conosce i sogni perché non sono state insegnate le passioni»

Alunni e genitori picchiano gli insegnanti, professor Crepet cosa è cambiato di tanto profondo nella scuola italiana?
«Se tuo padre e tua madre non ti hanno mai detto un no da quando sei nato, il primo no che ti dice un esterno non lo accetti. L'educazione è una fatica che nessuno è più disposto a fare: coinvolge i genitori, i nonni, gli educatori, anche quelli fuori scuola a incominciare dall'ambito sportivo. Tutto questo ha una ricaduta drammatica: è una generazione che non conosce più i sogni perché non sono state insegnate le passioni. A forza di dire di sì tutto diventa grigio, si perdono i colori. Tutto è anticipato rispetto a ieri, oggi a 13 anni fai la vita che una volta si faceva a 18. La società anticipa i suoi riti: prima maturi, prima diventi consumista. Oggi un ragazzino di 13 anni al telefonino si compra quello che vuole e questo crea una sproporzione, è una maturazione fittizia: non sei maturo perché sei su Facebook, ma se hai una tua autonomia. Oggi giustifichiamo tutto, non conosciamo i nostri figli, siamo abituati a non negare loro mai niente, a 13 anni le figlie fanno l'amore e non ci sono molte mamme che svengono alla notizia. Si consuma tutto troppo in fretta, anche la vita».

Paolo Crepet, padovano 67 anni, psichiatra, scrittore e sociologo. Consultato spesso in tv per analizzare i comportamenti degli italiani: dalle madri assassine come quella di Cogne alle follie e alle paure.
È cambiata così tanto la famiglia italiana?

«Il problema è prima dei genitori che hanno sempre una responsabilità in più rispetto ai figli. Finché campi conservi una responsabilità nei confronti dei figli, anche quando sono adulti negli atti che faranno si rifletterà l'educazione che hai dato. Ma le cose sono cambiate improvvisamente, il mercato del lavoro è diverso e anche la proposta educativa si è allungata all'infinito. Una volta il diploma era più che sufficiente per lavorare, adesso non basta più una laurea. Hai un terzo della vita che è formazione e questo cambia la prospettiva, i bisogni, la necessità e anche i consumi. E perché tutto sia possibile, esige una famiglia che non è più educativa, ma economica. Il valore di una famiglia è passato da educativo a commerciale. I genitori da educatori sono diventati un bancomat».

A proposito di educazione: alcuni licei classici cercano nuovi alunni puntando sul fatto che sui loro banchi non siedono immigrati, disabili
«Una vecchia storia che ritorna ciclicamente è la presunzione di essere una razza migliore. C'è qualcuno che forse si era illuso che fossero bastati i 50 milioni di morti dell'ultima guerra; invece ritorna a galla, come il sughero nella laguna. Continuano a dire bestialità come la storia della razza bianca, ma questo non è un errore di un ignorante, questo nasconde un'ideologia che è quella di Hitler che pensava che Owens non avrebbe mai vinto le Olimpiadi perché nero. Quella è stata la prima rottura: Owens che vince davanti al Furher dimostrando che siamo tutti uomini, non differenti per colore ma per qualità. Un liceo che pensa di fare una sorta di scouting scegliendo così gli alunni è un liceo morto».

Oggi c'è troppa violenza nella politica italiana?
«Quando non si hanno idee si danno cazzotti. In un talk-show il primo che si alza e si toglie il microfono segna un punto. È il non parlare che porta voti, oppure il minacciare il tuo prossimo. Più che aumentata, la violenza è ben comunicata. La stessa violenza che una volta poteva avvenire in un comizio, adesso è sui social con una capacità dirompente moltiplicata».

Perché l'immigrazione fa paura?
«Perché siamo stati un paese che tranne qualche enclave nelle città portuali Venezia è un grande esempio non ha conosciuto la diversità. Ci sono mancati gli scambi e si scambia tra diversi e non tra uguali, milioni di italiani non sanno cosa vuol dire. E questo comporta una paura per tutto ciò che non è prodotto dalla tua terra. L'immigrazione è stata una selezione darwiniana, nel paesello dei cinque figli maschi andavano via i due con più carattere e più forza. In Italia, come ovunque, sono andati via i migliori. L'immigrazione aiuta un altro popolo: l'idea di mogli e buoi dei paese tuoi non funziona neanche con le vacche».

Siamo anche un paese di depressi?
«C'è un fenomeno interessante: l'aumento del numero di parafarmacie e farmacie. Evidentemente va di moda la debolezza. Noi abbiamo paura di tutto. La depressione è una grande metafora della paura del futuro, il depresso detesta il domani. Siamo depressi e ansiosi e cerchiamo da qualche parte di essere sedati nelle nostre ossessioni depressive e nelle nostre ansie».

Dove è cresciuto Paolo Crepet?
«Sono cresciuto a Padova. Mio nonno Angelo Maria Crepet era un grande artista, amico di Amedeo Modigliani, avevano frequentato insieme l'Accademia di Venezia. La sua arte ha permeato la casa e la famiglia. Il nonno materno era un artista della ceramica. Sono nato dentro un atelier e questo mi ha dato una forza creativa, un'immaginazione straordinaria. Ho studiato a Padova, poi sono andato a Verona dove insegnava il più grande neurologo italiano, il professor Terzian che era amico di Franco Basaglia. Per tre anni ho lavorato ad Arezzo in uno dei manicomi cosiddetti aperti; sono andato in giro per il mondo e alla morte di Basaglia mi sono trovato da solo, ma il virus della sua grandezza mi aveva convinto che potevo farcela. È riduttivo dire che è stato solo un grande psichiatra: la grandiosità della sua idea non è stata tanto la riforma, quanto il suo ruolo strepitoso nella storia dei diritti dell'uomo, è stato il nostro Bertrand Russel. Non era scontato dire negli Anni 60 che ognuno ha gli stessi diritti indipendentemente dal nostro umore, dal nostro grado di follia».

Cosa farà Crepet da grande?
«Sono fortunato perché sogno delle cose e ne arrivano altre che non avevo sognato. Cosa farò? Banalmente, scriverò. Mi sono ritagliato dei mestieri che possono essere fatti anche a 90 anni: psicoterapeuta, scrittore, conferenziere che forse è il mestiere più faticoso. Ho fatto più di tremila conferenze nella mia vita, conduco una vita da intellettuale tuareg».

Come concilia l'autorevolezza dello scienziato col personaggio televisivo?
«Da trent'anni ho fatta tantissima tv di tutti i generi, dai tg ai talke-show, ho avuto un maestro come Paolo Limiti. È stato un esercizio importante, devi essere in breve tempo molto convincente. La tv se la usi come semplificazione è di grande aiuto. Parlare di Cogne è stato molto, ma molto importante: quel delitto era la quintessenza della nostra cattiveria ed è stata questa ad attirare la gente. Bisognava parlare delle mamme che uccidono».

Cosa le manca della Padova di ieri?
«Quella che mi manca è la nebbia, le giornate umide sotto i portici. Dal punto di vista umano mi pare sia diminuito il sorriso dei padovani, l'ironia. Credo sia diminuita, più in generale, l'ironia dei veneti. Era il nostro punto di forza. Quel Veneto strepitoso di Signore e Signori, quel Gastone Moschin che si tappa le orecchie per non sentire e sorride della vita, faccio fatica a rivederlo. Metteva a nudo anche la nostra ipocrisia, che c'è. Siamo passati dalla conversazione al marketing perdendo il sorriso».

Il nostro SONDAGGIO ---> Per votare clicca qui
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 26 Febbraio 2018, 09:11






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Figli, Crepet spiega: «Senza i "no" non si cresce, educare è una fatica»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 38 commenti presenti
2018-02-27 10:39:01
Tutte boiate. Io ho detto un sacco di no ai miei figli, e di problemi ne ho avuti (e che problemi) lo stesso. Il problema è che non i bambini non fanno più vita di strada. Vivono sotto vetro, e non sono più attrezzati per confrontarsi con la vita. Appena arriva la libertà (dalle scuole medie al liceo) si lanciano in tutte le trasgressioni possibili, e purtroppo aiutarli è difficile.
2018-02-27 12:50:00
@scettico: Scusi, ma i milioni di persone che vivono da sempre in citta sono tutti incapaci di confrontarsi con la vita solo perché non si sono arrampicati su un albero? TUTTO dipende sempre e solo da genitori, educazione ed imprinting. I bambini sono spugne, e IRRILEVANTE qualsiasi cosa, tranne quella che gli insegni. A tutte le latitudini, il punto e sempre quello, e onestamente trovo gravissimo e preoccupante che nel 2018 ancora non si sappia nulla della FONDAMENTALE educazione che si deve applicare alle generazioni. Sul resto sono d'accordo con lei.
2018-02-27 14:21:44
non so quanti anni lei abbia, ma io sono nato e cresciuto in una città, ma allora i ragazzini stavano in strada lo stesso. Non è questione di arrampicarsi su di un albero, è questione di confrontarsi con gli altri, di imparare le leggi della convivenza. Non so quanti figli abbia avuto lei, io ne ho avuti due, sia io che mia moglie abbiamo delle regole di vita abbastanza rigorose, eppure le assicuro che arrivati a una certa età le spugne cominciano ad assorbire in prevalenza ben altre cose che i nostri insegnamenti. E' una specie di transizione che lascia stupefatti, e a cui non si è preparati nonostante te lo abbiano detto in tanti (si pensa sempre che gli altri non siano capaci). Sia preparato se il suo momento deve ancora arrivare.
2018-04-15 14:16:44
Concordo in tutto. Aggiungo che ho imparato a non esprimere giudizi sull'operato degli altri. Ho speso tutte le mie capacità e il mio tempo cercando di essere un bravo genitore e un buon esempio per i miei figli. Con grande amarezza penso di aver fallito l'obiettivo, almeno per il momento...
2018-02-27 14:26:54
per spiegare meglio il mio discorso, il problema dei ragazzi è la fame di libertà, che oggi non possono avere finché non diventano adolescenti. Quella fame di libertà, associata alle insidie presenti nella società di oggi, produce effetti devastanti. Passata la sbornia tutto torna normale. Ma c'è chi non riesce a superarla.