Vicenza, sculacciata in ufficio: per il giudice non è reato

PER APPROFONDIRE: reato, sculacciata, ufficio
Dirigente «sculacciava» impiegata in ufficio, per il giudice non è reato
Una sculacciata data in ufficio, seppur davanti agli altri colleghi, ma con «spirito goliardico», e senza morbosità, non sconfina nella violazione penale. Questa è la decisione assunta dal gip del Tribunale di Vicenza che ha archiviato - riferisce 'Il Giornale di Vicenzà - un'inchiesta a carico di un dirigente 38enne accusato di violenza sessuale da un'impiegata, nell'ipotesi lieve delle molestie. La donna, in tre distinte occasioni, aveva ricevuto dal 38enne, suo diretto responsabile, delle pacche sul sedere mentre passava tra le scrivanie. Nell'esposto l'impiegata lo aveva accusato anche di ingiurie, per il modo brusco con cui veniva invitata a svolgere le sue mansioni; ma anche qui l'accusa è caduta nel nulla, data la depenalizzazione del reato, perseguibile solo per via civile. L'uomo, che dirige l'ufficio amministrativo di una ditta commerciale, si era nel frattempo scusato con l'impiegata, ma questa aveva comunque presentato denuncia per violenza, sottolineando di essersi sentita molestata come donna oltre che come lavoratrice. La Procura ha raccolto le testimonianze dei colleghi della vittima, i quali avrebbero sostanzialmente 'derubricatò a gesto goliardico, seppur eccessivo, le sculacciate, distribuite dal dirigente un pò a tutti i componenti dell'ufficio. Su questa base il pm ha chiesto l'archiviazione, accolta dal giudice, secondo il quale, pur trattandosi di un gesto «generalmente censurabile», non avrebbe presentato in questo caso ipotesi di reato sostenibili in giudizio.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 17 Gennaio 2018, 15:31






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Vicenza, sculacciata in ufficio: per il giudice non è reato
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2018-01-17 19:03:36
Certo...ma se l'oggetto delle sculacciate fosse stata sua figlia pensa che la sua opinione sarebbe la stessa? E se invece fosse stata la figlia del giudice, pensa che la sentenza sarebbe stata la stessa???
2018-01-17 20:00:11
Già che ci siamo,sdoganiamo lo ius primae noctis.......
2018-01-18 10:22:42
Con quale diritto questo dirigente si è arrogato questa licenza di offendere? Quindi se uno ha un comportamento gagliardico ha diritto di espandersi e prendersi queste liberta'? Le vere violenze, come cita lei, certamente vanno considerate con il giusto metro, ma puo essere anche che le vere violenze si avvantaggiano e giustificano dietro le piccole violenze, un po' alla volta, permettendo questo e poi giustificando quello. Un po come accade con i giovani. Si passa dalle cose piccole a quelle importanti. Cmq lei non c'era li per sentenziare a priori che l'impiegata si meritasse la sculacciata e il fatto di avere un lavoro non significa che bisogna piegare la propria dignità per ringraziare lorsignori che ce lo danno. Ci sono altrettanti molti dipendenti che fanno bene il loro lavoro ma purtroppo sono comandati da titolari che hanno come unico obbiettivo spremere e mungere il lavoratore. Mettiamo ogni cosa al suo posto: se (mai) i lavoratore non fa bene il suo lavoro deve essere invitato a farlo nei modi corretti, e nei casi piu gravi sanzionato o licenziato. Non sculacciato
2018-01-18 09:13:33
Ma sto giudici sono impazziti!!!
2018-01-18 08:21:03
Mi tocca dare ragione a Berlusconi: "sotto lo scudo di una toga è permesso tutto e il contrario di tutto"