In auto a Venezia, inavvicinabile. L'esperto: sospetta encefalite virale

PER APPROFONDIRE: auto, encefalite, isolamento, venezia, virus
In auto a Venezia, inavvicinabile  L'esperto: sospetta encefalite virale

di Alvise Sperandio

VENEZIA - È ancora in isolamento e la prognosi è riservata. Il mestrino che due giorni fa è arrivato con l'automobile fino ai piedi del ponte di Calatrava. Nemmeno i parenti possono avvicinarsi, i medici che lo stanno curando hanno disposto un periodo di osservazione di 48/72 ore, in attesa che gli esami dicano quale virus lo ha colpito in grado di provocargli la febbre cerebrale che lo ha ottenebrato. Potrebbe essere un'encefalite virale e questo spiegherebbe gli strani comportamenti dell'uomo dato che la malattia può provocare perdita di memoria, cambiamenti del comportamento o della personalità, epilessia e mancanza di coordinazione muscolare.
 


«Un'encefalite virale può provocare quel che è successo a questa persona: uno stato confusionale per cui non si rende conto di percorrere una strada contromano e persino di arrivare a credere di essere in un luogo diverso da quello in cui effettivamente si trovava». Giorgio Palù, professore ordinario di Virologia della facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università di Padova e presidente della Società europea e italiana di Virologia, pur non conoscendo personalmente il caso clinico, spiega che c'è compatibilità tra la malattia che ha colpito l'uomo e il fatto che sia arrivato con l'auto addirittura davanti all'imbarcadero di piazzale Roma senza accorgersene...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 13 Gennaio 2018, 09:30






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
In auto a Venezia, inavvicinabile. L'esperto: sospetta encefalite virale
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2018-01-13 11:30:13
Lei ha visto la cartella clinica per essere così sicuro? Se no, limiti i suoi commenti, per favore. Grazie. Altrimenti comincio a sospettare che la malattia sia partita dalle montagne bellunesi.
2018-01-13 13:31:43
neppure i giornalisti hanno visto le cartelle cliniche. chi ha parlato sono sempre stati esperti che sul caso sanno quello che gli diceva il giornalista di turno. come ha detto qualcuno si vuole coprire la figura barbina fatta da chi era preposto alla sicurezza. il fatto che un'auto sia arrivata dove non doveva è grave.
2018-01-13 16:57:31
I vigili sono arrivati ben 5 minuti dopo solo perche' avvisati dai cittadini. Una figura da babbei, ma non c'era da meravigliarsi. la meraviglia dei 70 vigili assunti da Brugnaro. Si, come no, a "Chi l'ha visto".
2018-01-13 19:09:29
"È ancora in isolamento e la prognosi è riservata. Il mestrino che due giorni fa è arrivato con l'automobile fino ai piedi del ponte di Calatrava. Nemmeno i parenti possono avvicinarsi, i medici che lo stanno curando hanno disposto un periodo di osservazione di 48/72 ore, in attesa che gli esami dicano quale virus lo ha colpito in grado di provocargli la febbre cerebrale che lo ha ottenebrato." E' scritto chiaro all'inizio dell'articolo. Ma sapete leggere? A questo punto ho i miei dubbi. Ah, dimenticavo: nel cartaceo (o nell'edizione digitale - a pagamento) c'è l'articolo completo. Così, per promemoria... Quindi, la situazione clinica dell'automobilista non è proprio una "barzelletta", o tutti gli esperti in medicina che sanno come VERAMENTE sta il paziente sono qui a postare? Poi il problema della sorveglianza a Piazzale Roma è un altro discorso...
2018-01-14 17:52:53
Adesso ti diranno che si é ammalato perché conduceva una vita disordinata, non appena uno muore qua si avventano come avvoltoi a giudicare, a pontificare, come se non fosse nella natura umana, animale e vegetale morire, prima o poi.