Caporalato, l'allarme della Pimi: «Qui lavoro onesto, le vere vittime siamo noi»

Venerdì 12 Gennaio 2018
I responsabili dell'azienda Pimi di Trebaseleghe
13

Trabaseleghe - «Siamo un’azienda seria con le carte in regola. Siamo anche noi vittime. Vittime di personaggi che hanno evaso e non pagato i contributi». A parlare è Fabio Lamon, 67 anni, da 30 amministratore delegato e legale rappresentante della Pimi srl a Trebaseleghe, tra gli indagati dell’operazione Sardinia Job della guardia di finanza di Pordenone. Lamon è turbato, sconvolto e arrabbiato per quel che sta avvenendo. Assicura di essere «tranquillo e fiducioso nella magistratura. Tutti i nostri documenti sono corretti e depositati nello studio del nostro commercialista».

LEGGI ANCHE Caporalato, coinvolte tre aziende padovane
 


LEGGI ANCHE La fabbrica "fantasma" degli operai in nero per le aziende del Nordest

 La Pimi srl sorge nella zona industriale di Trebaseleghe, in via dell’Artigianato, ed è specializzata nella prefabbricazione e nel montaggio di tubature industriali. «Noi siamo a posto, non temiamo nulla» ribadisce Lamon, affiancato dal socio Domenico Baù, 63 anni, e al figlio Giordano 36 anni), ostentando serenità e tranquillità all’interno della loro azienda, che ieri mattina era operativa.

LEGGI ANCHE Le minacce al saldatore che osò lamentarsi: «Gli idioti come te li cancelliamo»
 
 

Ultimo aggiornamento: 12:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA