L'incomprensibile balzello "ambientale" sugli acquisti di frutta e verdura al supermercato

PER APPROFONDIRE: a pagamento, balzello, ortofrutta, sacchetti
Egregio direttore, 
dal primo gennaio 2018 per i nuovi sacchetti dei reparti ortofrutta per la frutta e verdura sfusa viene fatto pagare alla cassa un balzello aggiuntivo di 2-3 cent euro. Anche se nel Gazzettino del 04-01 il rappresentante di Legambiente di Treviso parla di polemiche surreali in quanto i clienti hanno sempre pagato ma semplicemente il costo dei sacchetti non era evidenziato. Almeno adesso si vede il prezzo del sacchetto sullo scontrino., In realtà' ora il sacchetto si paga 2 volte: prima a peso, come prima dell'entrata in vigore della nuova tassa, al prezzo della merce che viene messa nel sacchetto, e poi a numero alla cassa. esempio: per comprare delle noci sfuse si prende un sacchetto, si inseriscono le noci e si pesa il tutto sulla bilancia che applica il prezzo sul peso lordo senza tener conto della tara rappresentata dal peso del sacchetto che e' di circa 6 gr . L'incidenza non e' indifferente: se ad esempio le noci costano 6.00 \kg il sacchetto pesato con le noci viene a costare una prima volta intorno ai 3-4 cent (6.00 x 0.006 kg) e poi 2-3 cent alla cassa e soltanto questi ultimi vengono evidenziati sullo scontrino. Si spera che qualche associazione di categoria a difesa dei consumatori presenti un esposto alla magistratura ravvisando nella legge come approvata l'istigazione alla truffa e frode in commercio.

Paolo Rossi
Treviso


Caro lettore, 
per qualcuno 2-3 centesimi sull'acquisto di frutta e verdura possono apparire o essere poca cosa. Ma è il principio che è alla base di questo provvedimento che lascia quantomeno perplessi. Il balzello sulla spesa al supermercato non è una nuova tassa: i soldi non finiscono infatti nelle casse pubbliche per finanziare, per esempio, interventi di difesa dell'ambiente. I centesimi che il consumatore paga in più vengono incassati dal venditore. Viene da chiedersi per quale ragione il governo abbia deciso di intervenire nei rapporti tra consumatori e venditori per imporre questo obolo. Perchè considera il cittadino implicitamente colpevole dell'inquinamento? Perchè vuole eticamente educarlo, punendolo preventivamente? O per quale altra ragione? In ogni caso siamo di fronte all'ennesimo provvedimento, derivato da una disposizione europea, varato senza preoccuparsi di spiegarne la funzione o l'importanza.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 9 Gennaio 2018, 14:21






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
L'incomprensibile balzello "ambientale" sugli acquisti di frutta e verdura al supermercato
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 47 commenti presenti
2018-01-10 11:29:37
Ci sono ben atre cose incomprensibili nell'operato dei nostri governanti, prendersela con queste quisqullie serve solo a nascondere gli errori più grossi.
2018-01-10 12:37:05
Binariciuto. Quisquilia è l'importo di un cent. Ma è quisquilia un'imposizione dittatoriale che impedisce ogni legittima scelta? E' quisquilia un aumento del 100/200/300%, che non fa specie visto il piccolo importo di 1 cent, ma che è scioccante nell'entità percentuale? E' quisquilia la bugia sul minor consumo di plastica che questa misura produrrebbe, quando è dimostrabilmente vero il contrario? E' quisquilia la nebulosità sul destinatario di questo aumento - il supermercato nega di esserlo, lui il costo del sacchetto continua a ricaricarlo sul prezzo della merce; il governo farfuglia un "fuori mi chiamo"? E' quisquilia accumulare senza ritegno balzello su balzello sulla groppa dei cittadini trattati come mucche da mungere e, invece, non attuare un taglio degli enormi sprechi e soprusi, magari nella stessa percentale del 100/200/300%? Non si accetta la sferzata soltanto perché data con una frusta singola e non a nove code, una sferzata resta sferzata, ed è immorale!
2018-01-10 11:28:16
ma il costo del sacchetto si paga due volte al supermerkato, merce per tara, ma anche in farmacia. un sacchettino per due medicinali costa 2 cent dal 2018.
2018-01-10 09:03:04
ma prima, i sacchetti erano regalati dai supermercati? o magari questi non ne scaricavano, alla fine, il costo sui clienti? cosa cambia se i sacchetti si pagano esplicitamente o implicitamente? L'unica cosa che cambia è che adesso i clienti si rendono conto che i sacchetti costano.
2018-01-10 12:48:39
non è così.Se prima un kg di patate mi costava 1,40 euro compreso il sacchetto,ora mi costano 1,40 più 2 cent.In pratica il sacchetto costa il doppio.