Turiste minacciate a San Marco dagli abusivi del racket del grano

Turiste minacciate in centro dagli abusivi del racket del grano

di Giorgia Pradolin

VENEZIA - «Ci hanno chiesto 80 euro, gliene abbiamo dati 60. Non eravamo d’accordo ma ci hanno circondate e avevamo paura per i nostri bambini».  Cronaca della vigilia di Natale in Piazza San Marco, dove il racket del grano non conosce pause per le feste natalizie. Protagoniste alcune turiste orientali a passeggio con i loro bambini, avvicinate dai venditori stranieri di granturco. Sono proprio loro, le donne orientali e i bambini, le prede preferite degli irregolari, soggetti indifesi con i quali è facile fare la voce grossa per estorcere denaro, soprattutto quando si ha dalla propria parte la forza dei numeri.
 

Le due turiste spiegano di essersi accorte che uno straniero metteva del grano nelle mani dei loro bambini per dar da mangiare ai piccioni, ma credevano fosse un regalo. Ad un certo punto però, i venditori le hanno circondate chiedendo “Money, money!”. Alla richiesta delle sprovvedute “How much?” (Quanto?) gli abusivi hanno sparato la cifra di 80 euro, 20 euro a testa per un pugnetto di mais. E’ scattato il rifiuto delle orientali che però raccontano di esser state circondate. Una scena simile era capitata solo pochi giorni prima, e in piazza purtroppo non è una novità. 

Da un paio di giorni all’ombra del campanile si vedono più vigili urbani a presidiare l’area marciana, grazie all’assunzione dei nuovi 20 agenti. «Durante l’estate la situazione era migliorata molto con i giovani vigili che rincorrevano e fermavano gli irregolari - commenta il commerciante - auspichiamo che tornino a vigilare sulla Piazza».

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 29 Dicembre 2017, 07:05






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Turiste minacciate a San Marco dagli abusivi del racket del grano
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 77 commenti presenti
2017-12-29 11:06:24
Quello che non capisco è perché i bengalesi a Venezia godano di una sorta di immunità. Le loro innumerevoli botteghette uguali l'una all'altra- che hanno ormai stravolto l'immagine di Venezia- traboccano di paccottiglia venetian-kitsch made in China fin sul selciato ingombrando il passaggio. I vigili passano davanti e non fanno niente. Quali santi in paradiso hanno?
2017-12-29 12:24:28
Invece di mandare agenti riconoscibili a distanza, meglio sarebbe usare agenti maschi e femmine in borghese, infiltrati, pure vestiti secondo mode diversamente etniche.Quasta di cui si parla e' una rapina cammuffatta.Se poi i rapinatori comunicano in patria che qui si guadagna lautamente con attivita' dozzinali senza arte ne' parte, i parenti arrivano a frotte, finche' si accoltelleranno per strada per contendersi piccioni e turisti da spennare..
2017-12-29 13:46:50
In questo Paese Italia vige il buonismo imperante, ma per i delinquenti, se tu italiano cerchi di difenderti e fai del male all' imbroglione ladro, devi pure risarcirlo, per me questa è Demenza pura.
2017-12-29 10:38:29
Stessa scena ieri davanti l’ospedale di .Padova, il parcheggiatore abusivo che ti aggredisce verbalmente, o paghi lui è il parcheggio o rischi di trovarti la macchina rovinata! Naturalmente se intervieni c’è sempre qualcuno che ti da del razzista! Se non intervieni, ti danno del codardo! State tirando troppo la corda!
2017-12-29 14:39:22
Facciamo pure alla prima, io probendo per la tolleranza zero