Lascia i figli e scappa con l'amante ma incassa gli assegni per i bimbi

Martedì 10 Ottobre 2017 di Viviana De Vita
4
Lascia i figli, scappa con un altro e intasca gli assegni assistenziali destinati dall’Inps ai ragazzi che, ora, si trovano senza un soldo. È una drammatica storia di abbandono e di povertà, quella approdata sul tavolo della Procura tanto più perché protagonista della vicenda non è un padre ma una madre di quattro figli di cui tre, ancora in tenera età. 
Vari i procedimenti maturati in seguito alla vicenda che vedono sotto il faro della magistratura una 45enne originaria dei picentini: il primo in sede civile, intentato dall’ex coniuge, padre dei quattro figli che chiede l’affido esclusivo della prole, l’altro in sede penale che configura a carico della genitrice le ipotesi di reato di appropriazione indebita e abbandono di minori e, l’ultimo, davanti al tribunale per i minori per discutere la revoca della responsabilità genitoriale della donna. Questa mattina il giudice del tribunale civile dovrà decidere sull’istanza del padre, un disoccupato 53enne che, da quando l’ex è andata via lasciandogli i figli, si occupa di tutti e quattro i ragazzi che vivono con lui. L’uomo, che si arrangia come può per mettere un piatto a tavola ai figli, chiede la revoca dell’affido della prole alla madre e l’affidamento esclusivo a lui.

La vicenda, maturata nell’ambito di un matrimonio difficile, ha inizio qualche anno fa quando il rapporto già burrascoso tra i due naufraga definitivamente: nell’ambito della separazione viene stabilito che i figli vivano con la madre alla quale spetta un assegno assistenziale per il mantenimento della prole di circa mille euro al mese. La situazione, però, già delicata è precipitata nel settembre 2016 quando la donna che aveva conosciuto un altro uomo perdendo la testa, ha deciso di andare via con lui dando un taglio netto al passato e riportando i figli, che al trauma della separazione hanno dovuto aggiungere quello dell’abbandono, all’ex marito. 

Ma c’è di più perché da ormai più di un anno la donna continuerebbe a prelevare mensilmente gli assegni erogati dall’Inps per il mantenimento dei figli tenendo però per sé l’intera somma e non corrispondendo nemmeno un centesimo ai ragazzi che, con un padre disoccupato, si arrangiano come possono. Ultimo aggiornamento: 12:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA