Ladre a caccia di portafogli. Scoperte, sputano addosso ai cittadini

Lunedì 21 Agosto 2017 di Michele Fullin
46

VENEZIA - Anche ieri erano tante, anzi tantissime. Anche in quindici, pronte ad arrembare ignari turisti cinesi o mediorientali (di solito quelli muniti di contanti e soprattutto più ingenui) appena scesi dal treno per visitare Venezia due o tre giorni. Le borseggiatrici rom giovanissime, di origini bosniache e provenienti dai campi nomadi di Milano e Roma, non danno tregua e anche questo fine settimana ieri per loro è stata una giornata frustrante, braccate e disturbate com'erano dai Cittadini non distratti che hanno fatto fallire diversi colpi.

LEGGI ANCHE Famiglia russa pizzicata a rubare: presi madre e figlio, il padre scappa

Ormai le ladre cominciano a dare segni di cedimento e, ogni volta che vengono sorprese o anche solo notate e fotografate si fanno aggressive, offendendo chi le riconosce e addirittura sputandogli addosso. Solo sabato, si sono verificati due episodi. Il primo riguarda una ragazza che si aggirava tra le calli ed ha riempito di offese l'uomo che l'aveva riconosciuta. Il video, girato a Castello, è stato visto in rete da migliaia di persone. Il secondo episodio riguarda un'altra borseggiatrice intercettata dopo una segnalazione da una pontoniera di Actv alla fermata di Sant'Angelo, che ha reagito anch'essa in malo modo...

 
 

Ultimo aggiornamento: 15:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA