Tredicenne si impicca a un albero. I genitori la vedono e la salvano

PER APPROFONDIRE: adolescenza, genitori, impiccato, mirano, suicidio
Tredicenne si impicca a un albero  I genitori la vedono dalla finestra

di Gabriele Pipia

MIRANO - Ha fatto tutto di nascosto, mentre i genitori erano indaffarati in un'altra stanza. È uscita di casa con una corda in mano, l'ha appesa ad un albero del giardino e ha tentato di impiccarsi. Una tredicenne è stata salvata in extremis dai genitori ieri mattina nel Veneziano: mamma e papà hanno chiamato disperatamente il 118 e la ragazzina è stata soccorsa dai medici giunti sul posto con l'elicottero. Trasportata in gravi condizioni all'ospedale di Padova, ieri sera risultava ricoverata in prognosi riservata. 

I genitori erano in casa: quando si sono affacciati alla finestra hanno visto la loro figlia in cortile già appesa alla corda. Stava perdendo coscienza. Penzolava da pochi minuti, ma in questi casi anche i secondi possono essere fatali. I carabinieri hanno ascoltato a lungo i familiari e in queste ore stanno indagando per capire le ragioni di un gesto così terribile. La giovane non aveva lasciato alcun biglietto e pare che non avesse dato alcun segnale preoccupante nelle ore precedenti. Si parla di motivi adolescenziali, legati probabilmente ad una frustrazione sentimentale oppure ad una delusione scolastica. Verranno scandagliati anche i social network, vista l'escalation di episodi simili legati al cyber-bullismo capitati negli ultimi tempi in tutta Italia...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 24 Aprile 2017, 08:42






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Tredicenne si impicca a un albero. I genitori la vedono e la salvano
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2017-04-24 09:03:42
Tieni duro, che hai la vita tutta davanti e potra essere anche dura ma vale la pena di viverla e di cogliere tutti gli attimi felici che ci dona. Tifiamo tutti per te!
2017-04-24 09:17:05
i ragazzi di oggi devono imparare a perdere, non possono buttarsi via al primo grande ostacolo, anche se ci sono i bulli (che sono sempre esistiti). E' un percorso educativo che spetta soprattutto ai genitori.
2017-04-24 10:20:27
Un abbraccio virtuale a tutta la famiglia: che possa essere il punto di partenza di un futuro felice.
2017-04-24 11:18:22
Una volta si faceva a botte se serviva, ora non si può più perché per ogni cosa che fai e dici (per farti rispettare) la gente senza palle ci mette di mezzo querele ed avvocati...
2017-04-24 12:29:32
concordo. Orami diventa più facile annichilirsi che difendersi. Siamo schiavi conquistati.