Prof razzista, "Le Iene" dalla preside
La Procura valuta un'azione penale

Sabato 22 Ottobre 2016
Lo striscione appeso fuori dal liceo Marco Polo
54

VENEZIA - Non si spegne l'eco del caso dei post razzisti di una docente contro i migranti su Facebook: la preside del liceo, Annavaleria Guazzieri, sentita dal Gazzettino, conferma di aver segnalato il caso all'Ufficio scolastico regionale non appena appreso dei post da alcuni studenti e dai loro genitori, prima che la vicenda divenisse di dominio pubblico. A carico della docente, assente da alcuni giorni da scuola, sono state avviati due procedimenti disciplinari da parte dell'Ufficio Scolastico del Veneto a seguito di segnalazioni pervenute nelle scorse settimane, mentre la procura della Repubblica di Venezia sta valutando se sussistano elementi per avviare un'inchiesta penale.

LEGGI ANCHE Trans in cattedra: respinto il ricorso di Cloe. «Un atto irresponsabile»
 

Intanto Fiorenza Pontini non è rientrata in classe ed anzi la preside annuncia che sarà sostituita da una supplente. Intanto un inviato de "Le Iene" ha fatto visita oggi all'istituto "teatro" della vicenda, il classico Marco Polo di Venezia. «Mi hanno chiesto quale è stata la mia reazione alla lettura dei post su Facebook - racconta la preside -. Ho risposto che sono rimasta sconvolta, non pensavo che un docente potesse esprimersi in questa maniera su una pagina pubblica, ero sgomenta».

LA PROTESTA DEGLI STUDENTI
"Fuori i razzisti dalle nostre scuole", è la scritta su uno striscione, firmato da alcuni collettivi studenteschi, esposto su un ponte vicino al liceo "Marco Polo", dove insegna la professoressa al centro della bufera. Dai commenti di alcuni studenti è arrivata una dura critica alle frasi mentre per l'11 novembre è annunciata una manifestazione studentesca contro la xenofobia e ogni forma di razzismo.

 

 

Ultimo aggiornamento: 23 Ottobre, 11:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA