Papa: in troppi sono attaccati a cani e gatti ma ignoriamo sofferenze fratelli

PER APPROFONDIRE: papa
Il Papa: «Prima dei cani e gatti, aiutate i vicini»
«Quante volte vediamo gente tanto attaccata ai gatti e ai cani, e poi lasciano senza aiuto la fame del vicino e della vicina, no no, d'accordo eh?». Lo ha rimarcato il Papa nella udienza giubilare in piazza San Pietro, nella quale ha invitato a «stare attenti a non identificare la pietà con quel pietismo piuttosto diffuso - ha detto - che è solo una emozione superficiale che offende l' altro. La pietà - ha aggiunto - non va confusa con la compassione per gli animali che vivono con noi, accade infatti che a volte si provi verso animali e si rimanga indifferenti di fronte alle sofferenze dei fratelli». La pietà, ha spiegato papa Francesco, «è uno dei sette doni dello Spirito santo che il Signore offre ai discepoli per renderli docili alle ispirazioni divine».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 14 Maggio 2016, 11:00






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Papa: in troppi sono attaccati a cani e gatti ma ignoriamo sofferenze fratelli
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 99 commenti presenti
2016-05-15 17:23:50
x gazzettino159797 2016-05-14 20:30:23 - Non è passato il precedente, ma le risponderò in questo modo: io ho espresso la mia opinione dopo aver letto i vari commenti, e francamente trovarne di attinenti è impresa difficile. Rimane il fatto che il Papa ha fatto notare qualcosa che è sotto gli occhi di tutti, quindi non ha elaborato niente di speciale, quello che invece è speciale è che l'ha detto, cosa che pochi si sono presi la briga di fare. In questo modo ha scontentato santino55, i possessori di animali, enricosecondo, i negozianti di articoli per animali e tutto il mondo che gira nel settore. Ora rimane il fatto che gli indignati a favore degli animali hanno sicuramente dimenticato l'obbiettivo del messaaggio cioè, la gente che soffre, che evidentemente non è un tema che attira. Saluti.
2016-05-15 16:59:12
ruzante 2016-05-15 14:17:06... Lei non troverà mai niente, sia su quello che ho scritto io, che su quello che ha detto il papa, che gli animali si possono maltrattare e gli umani no, e tanto meno che si possa giustificare il loro maltrattamento. Ma poi mi dovrebbe spiegare, se lei sembra sostenere che la vita animale e umana sono sullo stesso piano, come le è possibile accettare che ci si possa cibare degli animali. Detto questo come le dicevo la vita umana io la considero sacra. E non sono solo io, e non serve neppure essere credenti o religiosi...lo era sacra anche per Ippocrate, per atei per tanta gente e di tante culture diverse. L'etica ha fatto diversi passi, anzi, la bio-etica. Io sono dell'avviso che se non si considera sacra la vita umana, dalla nascita (anzi dal concepimento) alla morte naturale, si aprono porte terribili e nefaste, aperte ad ogni nefandezza e le dirò che siamo sulla strada buona. Peter Singer è uno di quelli più spregiudicati, per lui un bambino nato non è vita, si può uccidere senza nessun senso di colpa ... Se vuole approfondire le consiglio delle letture che trattano l'argomento... R.V. Potter che ha dato inizio alla bioetica moderna "un ponte sul futuro".. oppure Di E. Sgreccia "Manuale di bioetica"del 1994 ma ce ne sono altri. E' del 1985 la prima commissione italiana di bio-etica, quindi recentissima ... Per finire non si preoccupi...io la capisco come capisco bene l'amica RedFoxy e entrambi avete portato la discussione in alto e, seppur io non condivida tutto, questo è un bene... abbiamo tutti elementi in più... elementi che, perdonatemi la puntualizzazione, non avremo mai avuto da qualsiasi animale...e non mi dica ognuno per la sua strada, non possiamo, anche volendo visto che viviamo entrambi su questo mondo. A voi, ancora grazie e buona continuazione
2016-05-15 16:28:00
RedFoxy 2016-05-15 13:24:48 concludo anch'io amica mia...fila il tuo discorso, ma va a cozzare, parere mio sai, su quello che è il libero arbitrio. Io ho avuto un cane...l'ho tenuto poco più di un anno e poi sono stato costretto a darlo ad un'altra persona che poteva accudirlo meglio...Lui soffriva a stare da solo, cercava ed è scappato più volte...era il suo istinto, avrei dovuto ammaestrarlo. Mi è spiaciuto, ma per il suo bene l'ho dato a chi poteva tenerlo. E'vero quel che dici, un cane non ti tradisce, di dà sicurezza, non ti aspetti ribellioni.. puoi perfino trattarlo male, lui ti sarà sempre leale. E' vero anche quel che dici sulle persone, non sai mai se c'è un secondo fine, diciamo così, per capirci. Ma è anche vero che io dal tuo cane non mi aspetto e non potrei aspettarmi niente di gratuito... ma da te si, totalmente svincolato da qualsiasi interesse o istinto.... solo perchè tu hai un cuore che piange, si commuove, soffre se vede una bambina, mai vista prima, che soffre. Un qualsiasi animale non può. E' vero, ci sono criminali che sfruttano, violentano e uccidono solo per il gusto di farlo, o per opportunismo... ma ci sono persone che hanno veramente degli slanci assolutamente gratuiti, dei gesti che ti commuovono, e non parlo verso i propri affetti, parlo verso sconosciuti. Con le persone condividi una montagna di cose che con gli animali non puoi...Gli animali hanno due cose come scopo nella vita, nutrirsi e riprodursi (se non li castriamo).. Io con l'essere umano discuto, parlo, godo, soffro, condivido, mi guardo un film, apprezzo la bellezza, mi diverto, ci gioco.... e soprattutto ci faccio l'amore senza bisogno di procreare :-))) Facciamo una ulteriore ipotesi personale...io non posso comprare RedFoxy, un cane sì, io con te non posso dare niente di scontato, con un cane si al 90%, con te devo conquistarmi la stima, l'onore, l'affidabilità, la fiducia...con un cane no.... è facile con un cane...ma è con te che dovrei veramente impegnarmi... e sono pure sicuro che ne varrebbe la pena :-))) Ma qui mi sembra che stiamo andando fuori da quello che ha detto il papa.... Alla prossima.
2016-05-15 14:18:18
Il mio cagnetto mi costa circa 60-70 euro al mese. Se devo pensare a tutti gi immigrati ed i bisognosi, non mi basta neppure la mia pensione, poi sarei io a chiedere la carità per sopravvivere. Questo Papa sta ormai stufando e di brutto.
2016-05-15 14:17:06
Fiocchi, io non dico- ci mancherebbe- che tra un cucciolo di cane o di gatto e un bambino siano preferibili i primi due, e se mi sono spiegato male chiedo venia. Ma che oggi, soprattutto nei paesi dove i bambini si sfornano a ritmo industriale senza badare a cosa li aspetterà, quei prolifici genitori trovassero altri passatempi e si dedicassero ad altri tipi di allevamento, per il bene, anzi per la vita stessa della terra, lo penso. Ormai sulla terra siamo già in troppi. Per le multinazionali no, ma per l'ecosistema è così. Perdonami un altro discorso terra terra.