Pm10, scattano i super-blocchi del traffico anche a Venezia e Padova

Giovedì 10 Gennaio 2019
35
VENEZIA - Polveri sottili nell'aria, è emergenza in tutta la pianura Padana. Nel Veneto il livello di Pm10 tollerato dalle norme a tutela della salute (50 parti per milione) è stato superato stabilmente, per oltre quattro giorni consecutivi, in ben cinque capoluoghi su sette. Il livello "arancio" di allerta, quello che fa scattare ulteriori divieti alla circolazione e al riscaldamento, era già stato introdotto ieri a Treviso. Ora tocca a  Verona, Vicenza e di nuovo a Padova, che dopo sei giorni di sforamenti consecutivi è alle soglie dell'allarme rosso. Oggi 10 gennaio anche a Venezia  è stata superata la soglia di Pm10 in atmosfera per il quinto giorno consecutivo: pertanto nella capitale regionale le misure di limitazione alla circolazione e al riscaldamento entreranno in vigore da domattina, 11 gennaio.

Fino a nuovo ordine, quindi, a Treviso, Padova, Verona, Vicenza e Venezia resteranno in vigore i limiti più severi. Eccoli:

- Tutti i giorni, anche sabato, domenica e i festivi, tra le 8.30 e le 18.30 è vietata la circolazione di ciclomotori e motocicli Euro0 a due tempi, delle auto a benzina Euro0 ed Euro1 e delle diesel Euro0, Euro1, Euro2, Euro3 ed Euro4. Per i veicoli commerciali, il divieto di circolazione si estende ai veicoli diesel N1, N2 e N3 omologati Euro1, Euro2 ed Euro3.

- Per quanto riguarda il riscaldamento, è vietato usare impianti termici a biomassa (quindi legna e pellet) di classe inferiore alle 3 stelle. Sono inoltre vietati fuochi e combustioni all'aperto.

 Per quanto riguarda l'utilizzo degli impianti termici e delle combustioni, in questi giorni sarà vietato utilizzare impianti termici a biomassa di classe inferiore alle 3 stelle e sarà vietato effettuare combustioni all'aperto.


Critica la situazione anche a Rovigo, dove fino a ieri l'altro secondo i dati Arpav soltanto il 3 gennaio il livello di Pm10 è rientrato nella norma, cioè sotto quota 50. Tuttavia nessun provvedimento di limitazione emergenziale del traffico è stato adottato dal Comune, in quanto dopo 4 giorni di superamento del limite, ieri 9 gennaio il livello è rientrato sotto quota 50.

A Belluno l'assenza di provvedimenti di ulteriore limitazione è motivata dal fatto che la qualità dell'aria è molto migliore: il livello di Pm10 non ha mai superato quota 50 in questi primi giorni dell'anno neppure in città. La centralina in Alpago denuncia livelli invidiabili di qualità dell'aria (il dato peggiore è 23), e solo a Feltre si registrano superamenti consecutivi della soglia di legge. 

A Padova la soglia 50 è invece superata stabilmente, e per due giorni il Pm10 è rimasto addirittura oltre quota 100, in zona da allarme rosso, toccando pure quota 120. A Treviso va ancora peggio, il livello ha toccato quota 160, oltre tre volte la soglia di tolleranza, alla pari con Mestre. Ma anche Venezia "lagunare" si avvicina: la centralina sul Rio Novo ha raggiunto quota 144. Verona ha raggiunto 126, Vicenza 98. 
  Ultimo aggiornamento: 11 Gennaio, 09:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA