Paura in ospedale: una lastra della facciata si stacca e cade a terra

Lunedì 3 Agosto 2015
Particolare esterno ospedale Alto Vicentino di Santorso ricco di vetrate
SANTORSO – Nello scorso fine settimana una delle 7 mila lastre di vetro opalescente da circa 3 metri quadri che rivestono l’ospedale Alto Vicentino si è staccata per cadere e frantumarsi sulle strutture di protezione, in un settore inibito al passaggio del pubblico nella zona di Radiologia. Non è stata la prima caduta con la lastra rapidamente sostituita senza costi per l’Ulss 4 da parte di Summano Sanità, ciò grazie a una clausola del project financing che ha permesso la realizzazione del nosocomio.



Il sindaco di Schio Valter Orsi stamattina ha chiamato il direttore generale dell’Ulss 4 Daniela Carraro che ha definito l’incidente come un accadimento “percentualmente” presumibile, se non accettabile. «Sono stato tranquillizzato dalla dottoressa Carraro rispetto alla velocità del ripristino della lastra e dell'efficacia delle pensiline protettive – racconta il sindaco - installate dai privati rispetto a episodi di questo genere. Questo non distoglie però la mia attenzione nei confronti della sicurezza degli operatori ospedalieri, dei pazienti e di tutti coloro che transitano quotidianamente nell'Ospedale Alto Vicentino».



Ci sono le pensiline che proteggono da nuove possibili cadute di lastre. “Nel momento in cui furono installate, mi furono presentate come utili ripari dalla pioggia. Una finalità da me subito messa in dubbio, anche perché la stessa finalità non si può certo sostenere avessero e abbiano tutt'ora le recinzioni in acciaio e le reti metalliche installate nei corridoi e nei passaggi interdetti al pubblico. Si capiva chiaramente che l'intervento era stato progettato e realizzato per motivi di sicurezza”. Cosa le ha detto la dottoressa Carraro? “Mi ha rassicurato che la sua attenzione e l'impegno suo e dei tecnici dell'azienda da Lei diretta è massima e costante. È una disponibilità a cui ritengo di potere dare credito, viste le responsabilità specifiche conseguenti. Anche la mia attenzione rimane però massima e costante e, a brevissimo, accompagnato da alcuni collaboratori, effettuerò un sopralluogo alla struttura ospedaliera”.



Vittorino Bernardi
Ultimo aggiornamento: 17:41