Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Luciano, seminarista bambino sparito
da 62 anni: il caso su Chi l'ha visto

Domenica 12 Gennaio 2014 di Lauredana Marsiglia
Luciano Cobianchi
1
Oggi avrebbe 70 anni, Luciano Cobianchi, scomparso l’11 luglio 1956 a Domegge. Era l’ora di pranzo quando il seminarista, in vacanza con altri compagni, sparì improvvisamente senza lasciare alcuna traccia. Sono passati 62, ma il caso è tornato ad affacciarsi, l’altra sera, nella celebre trasmissione "Chi l’ha visto" di Rai 3. Il mistero continua a vivere, nonostante i molti tentativi di dissipare le nebbie, tra cui uno compiuto anche nel marzo 2011, sempre su Rai 3, ascoltando un amico di Luciano che tentò di indirizzare le indagini su presunti cattivi rapporti nell’ambito seminarile. Ipotesi che difficilmente a distanza di tanti anni poteva trovare conferme.

Quel giorno, Luciano, originario del Polesine e la cui vita si è intrecciata ad un altro mistero che nella morte di don Mario Bisaglia ha unito il Polesine e la lago del Centro Cadore, era nei pressi del lago assieme ai compagni. Per pochi minuti si staccò da loro, ma non tornò più sui suoi passi. Venne cercato ovunque, ma senza alcun esito.

Ad avviarlo agli studi seminarili fu proprio don Bisaglia, quando divenne parroco di Fiesso Umbertiano paese dei Cobianchi. Luciano prese così a studiare nel seminario dei Sacramentini a Casier di Treviso. Domegge, così, conserva due misteri tutt’ora insoluti: oltre alla scomparsa di Luciano, l’insolita morte di Bisaglia trovato morto nel lago con dei soldi e la carta d’identità legati con un elastico su una gamba, sotto il calzino. Nel lago ci finì quando era ormai morto.
© RIPRODUZIONE RISERVATA