Serena Grandi, abusi choc: «A dodici anni un amico di famiglia mi ha fatto spogliare...»

Giovedì 26 Novembre 2020
Serena Grandi (Instagram)

Un ricordo molto doloroso per Serena Grandi, che a dodici anni ha subito degli abusi da parte di un amico di famiglia. Serena Grandi torna nel suo passato e racconta: “A distruggere la mia innocenza fu un amico di mio padre…”

 

Leggi anche > Rita Pavone, gelo in studio con Anna Tatangelo ad All Together Now

 

I fatti risalgono a quando era solo una bambina di dodici anni: “Avevo dodici anni – ha raccontato a “Nuovo” - anche se ne dimostravo di più, tanto da ritrovarmi addosso fin troppi sguardi maschili. A distruggere la mia innocenza fu Bruno, un amico di mio padre, uno di famiglia. Avevo fiducia in lui, ero troppo piccola per percepire i segnali dell’attrazione morbosa di cui ero oggetto. Fino la giorno in cui mi chiese di spogliarmi in cambio di tanti bei regali. Mi teneva per mano e gli occhi esprimevano i suoi pensieri sporchi da cui mi sentita contaminata fiutando il pericolo. Disgustata e impaurita raccontati tutto a mia madre”.

 

La reazione della mamma non si è fatta attendere: “Rincasai prima del previsto e sentiti grida all’interno. Mi nascosi e sbirciai da uno spiraglio da cui vidi i miei genitori che a causa mia litigavano con lo “zio” Bruno. Mia madre tirò fuori un coltello da cucina per puntarlo alla gola di quel mascalzone: “Se ti permetti di toccare mia figlia, ti ammazzo!”, disse…”.

 

Alla violenza subita si è aggiunto la vicenda di cui è stata spettatrice: “Mi rannicchiai su me stessa e rimasi nascosta finché in casa tornò la tranquillità. Cercai di tonare alla vita normale, ma non ci riuscii e vissi un paio d’anni con disagio. Superai lo shock a 15 anni con un ragazzo della ma età: grazie alla sua dolcezza mi convinse a fare l’amore per la prima volta. Ma non fu facile…”.

Ultimo aggiornamento: 21:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA