Taryn Power, chi era la sorella di Romina morta di leucemia: ebbe un flirt con Lucio Battisti

Sabato 27 Giugno 2020

Taryn  Power, morta a 67 anni in seguito di una rara leucemia, è stata un'attrice statunitense, figlia dell'attore Tyrone Power e della sua seconda moglie, l'attrice Linda Christian. Era la sorella minore di Romina Power. I suoi genitori divorziarono nel 1956, quando lei aveva due anni; Taryn e la sorella Romina andarono a vivere con la nonna in Messico. Tre anni dopo il padre Tyrone morì per un attacco cardiaco, lasciandola orfana all'età di 5 anni. Successivamente si trasferì a Roma con la madre e la sorella e poi in Spagna e in Inghilterra, dove completò gli studi e a diciotto anni iniziò a recitare.
Nella prima metà degli anni Settanta raggiunse la sorella Romina in Italia, vivendo per qualche tempo a Roma, prima di fare ritorno a Los Angeles nel 1975. Proprio qui ebbe un breve flirt con Lucio Battisti. Nel 1975 incontrò il fotografo Norman Seeff a Los Angeles, più grande di lei di 15 anni, che sposò poco prima della nascita della sua prima figlia, Tai Dawn Seeff (28 dicembre 1978), per poi separarsi e divorziare nel 1982[1]. Ha avuto altri due figli con il musicista rock Tony Fox Sales: Anthony Tyrone Sales (4 settembre 1982) e Valentina Fox Sales (10 settembre 1983). In seguito sposò William Greendeer, di origine pellerossa Winnebago[9][10][11], col quale ha avuto la quarta figlia, Stella Bianca Greendeer (21 aprile 1996).

Romina Power, morta la sorella Taryn: «Un anno e mezzo di lotta contro la Leucemia»
 

 

La sua carriera cinematografica è stata breve e discontinua, avendo recitato in soli otto film (i primi due in spagnolo, il resto per lo più in lingua inglese). I suoi ruoli più importanti sono stati Valentine De Villefort nel film Il conte di Montecristo (1975) con Richard Chamberlain, Donald Pleasence e Tony Curtis; e Dione in Sinbad e l'occhio della tigre (1977), interpretato con Patrick Wayne e Jane Seymour, per cui ottenne una nomination ai Saturn Award. In Italia ha partecipato al grottesco Bordella di Pupi Avati (1976). È comparsa saltuatiamente anche in televisione, nelle serie Nel tunnel dei misteri con Nancy Drew e gli Hardy Boys (1977) e Matt Houston (1985).

Abbandonata la carriera di attrice negli anni Novanta per dedicarsi alla famiglia, si è trasferita da Los Angeles in una fattoria nella riserva indiana dei Winnebago, nel Wisconsin, dedicandosi all'insegnamento ai ragazzi disabili all’interno di una struttura pubblica; è ritornata sul set nel 2019, in Italia, per il film Sulle mie spalle di Antonello Belluco.
 

Ultimo aggiornamento: 11:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA