Chirurgia plastica del seno, cambiano i canoni: «Ora i modelli sono Belen, Salma Hayek e Jennifer Lopez»

Lunedì 26 Luglio 2021
Chirurgia plastica del seno, cambiano i canoni: «Ora i modelli sono Belen, Salma Hayek e Jennifer Lopez»

Corpo sinuoso, seno sodo e prosperoso ma mai eccessivo e volgare, e super maggiorate plasticose in stile Baywatch non vanno più di moda. Corpi armonici e seni prosperosi sono il nuovo ideale di bellezza. I modelli a cui si ispirano le donne, soprattutto le italiane, sono le star sudamericane come Belen Rodriguez, Salma Hayek e Jennifer Lopez, icone sexy dalle forme generose, seno «pieno» ma non eccessivo e assolutamente proporzionato con il resto del corpo.

Il Re del bisturi, il programma su Real Time sulla chirurgia estetica conferma la voglia di tornare in forma

«Così come sono cambiati i canoni di bellezza nella società, allo stesso modo sono mutati i modelli di riferimento nella chirurgia estetica», spiega il chirurgo plastico internazionale Luciano Perrone. «Questo ideale di bellezza sud americano – prosegue – nasce dalle proporzioni perfettamente armoniche di tutte le curve del corpo. A partire dalle proporzioni del seno. Le celebrità appena citate, infatti, hanno in comune un décolleté pieno, sodo e sexy, mai plasticoso o volgare che si adatta perfettamente al corpo di ognuna».

Roma, arriva in Italia il primo Botox Bar: menù a base di filler e ialuronico anche per i più giovani

Ma queste donne sono forse nate con il gene del seno perfetto nei filamenti di DNA? «Assolutamente no! Tanta perfezione – rivela Perrone – anche nel loro caso, è frutto di una precisa e attenta pianificazione e studio del décolleté in relazione alle caratteristiche del corpo di ognuna. Insomma, anche i loro sono seni rifatti, vengono incontro agli attuali canoni estetici. Canoni che, la storia ci insegna, sono in continua evoluzione. L’ideale estetico infatti non è un criterio assoluto ed immutabile. Esattamente come le mode, il concetto di bellezza cambia nel tempo, in alcuni casi, anche drasticamente. La bellezza della donna, complice l’immaginario maschile, che ha sempre avuto un peso rilevante, si è misurata continuamente con standard diversissimi. Senza andare troppo indietro nel tempo, dalle Pin Up e delle maggiorate, i sex symbol dell’immediato Dopoguerra, passando poco dopo alla “donna grissino”, il trendissimo modello lanciato dall’anticonformista modella americana Twiggy».

Successivamente, negli anni ’80, periodo che segna un vero e proprio boom degli interventi di mastoplastica additiva, si è tornati alla bellezza prorompente. Formosa o esile, infatti, il concetto di “silhouette perfetta” ha sempre assunto un connotato socioculturale, connesso al benessere economico o alla povertà. Durante alcuni periodi storici, le forme morbide e abbondanti sono state considerate un evidente simbolo di bellezza e salute perché associate alla ricchezza visto che solo le donne benestanti potevano permettersi il lusso di non lavorare ma, soprattutto, di mangiare in abbondanza. In altri periodi, invece, sono stati i corpi androgini a incarnare il concetto di fascino e di uno status “privilegiato”, rispecchiando la possibilità di uno stile di vita, tra fitness, alimentazione attenta ed emancipazione, di calibro elevato.

Tuttavia, recentemente, la sensualità sembrerebbe aver virato nuovamente, andando a delineare una nuova tipologia di seno trovando un equilibrio tra benessere ed eleganza, praticità e raffinatezza. Un modello di bellezza fatta di proporzioni e armonie delle forme che secondo molti sociologi andrà oltre le mode del momento. Un nuovo criterio estetico bilanciato che oltretutto piace molto anche agli uomini. Non a caso da un recente studio dei professori Viren Swami e Martin J. Tovée del dipartimento di psicologia dell'Università di Westminster, è emerso che gli uomini con un QI più alto, preferiscano le donne con un décolleté più “discreto” e di grandezza media. Un nuovo quadro che trova piena e concreta applicazione proprio attraverso la sempre più richiesta “mastoplastica argentina” che si rifà proprio alle bellezze sud americane del cinema e della tv.

«Il sud America, nello specifico l’Argentina — spiega il chirurgo Perrone — è la culla della chirurgia estetica. La mastoplastica argentina è l’unico trattamento basato sull’ideale di bellezza sud americano divulgato in Italia dalle modelle, dalle veline e dalle star che sono tra le donne più sexy al mondo». Questo tipo di mastoplastica, si rivolge a un pubblico femminile che punta sulla cura del proprio corpo e che apprezza il canone di bellezza sinuoso ed armonico. «Attenzione – conclude Perrone – è bene specificare che non si fa riferimento a quei seni finti, plasticosi e volgari. L’ideale di bellezza a cui si ispira la mastoplastica argentina si colloca allo spettro opposto di tutta quella chirurgia estetica che definisco come “chirurgia da catena di montaggio”. Un valore aggiunto che fa decisamente la differenza e che ha permesso a questo nuovo modello di femminilità di sfondare persino negli Stati Uniti, spesso patria del “too much”, dicendo dunque addio, dopo tanti decenni, a quella che sembrava un’icona intramontabile a “stelle e strisce”, tra le più ammirate e copiate degli ultimi decenni: Pamela Anderson per l’appunto.

Ultimo aggiornamento: 14:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA