Alessandra Martines a Domenica In: «Io, mamma a 49 anni. Ma col mio compagno più giovane di 20 anni è finita»

Alessandra Martines a Domenica In: «Io, mamma a 49 anni. Ma col mio compagno più giovane di 20 anni è finita»

di Emiliana Costa

Alessandra Martines si racconta a cuore aperto a Domenica In: «Io, mamma a 49 anni. Con Cyril Descours, il mio compagno più giovane di 20 anni, è finita». L'eterna Fantaghirò, che negli anni 90 ha stregato tutti con la sua grazia e la sua bellezza, è stata ospite di Mara Venier. Argomento del giorno, le «mamme-nonne». Per l'attrice però l'età non sarebbe un problema: «Non conto il passare degli anni, mio figlio Hugo è venuto in maniera naturale. È stato molto voluto, soprattutto dal papà Cyril Descours».

Mara Venier poi mostra un filmato che racconta la storia tra la Martines e Descours e a quel punto l'attrice svela la verità: «Non lo sa nessuno, ma io e Cyril ci siamo lasciati. Voglio essere onesta. Restiamo amici per amore del bambino».



L'attrice poi passa a parlare della prima figlia, Stella, oggi 20enne, avuta dal matrimonio con il regista Claude Lelouch, 26 anni più grande di lei. «Ho allattato Stella fino ai 4 anni, prima solo con il latte materno e poi integrandolo con il latte di mandorla. Il latte di mucca? È destinato ai vitellini».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 25 Novembre 2018, 15:31






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Alessandra Martines a Domenica In: «Io, mamma a 49 anni. Ma col mio compagno più giovane di 20 anni è finita»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-11-27 17:22:17
Allora il latte materno è destinato alle madri e non ai figli, mo?
2018-11-26 19:38:48
Non capirò mai le donne che rincorrono i toy boy. Già sono immaturi i maschi di pari età rispetto a una donna..Figuriamoci quelli di 20 più giovani. Ps. Il latte di mandorla è destinato alle mandorle
2018-11-26 15:28:07
Il latte di mucca può essre somministratto tranquillamente anche ai neonati. Salvo che non ci siano intolleranze. Per cui anche stavolta abbiamo la dimostrazione che non basta essere celebri per dispensare sani consigli.