Maltratta la moglie davanti al figlio minorenne, allontanato

Giovedì 24 Febbraio 2022 di Vincenzo Caramadre
Maltratta la moglie davanti al figlio minorenne, allontanato

Stufa delle continue vessazione e dei maltrattamenti subiti, anche davanti al figlio, ha avuto il coraggio di ribellarsi e raccontare tutto ai carabinieri. 

E’ la storia che arriva da San Giorgio a Liri dove i carabinieri della locale stazione hanno notificato, ad un uomo di origini marocchine, il provvedimento del Gip del Tribunale di Cassino che gli impone il «divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa». 
Il provvedimento si è reso necessario a seguito della denuncia fatta dalla convivente del giovane, che ai militari dell’Arma ha raccontato i continui atteggiamenti aggressivi che, da tempo, era costretta a subire, anche alla presenza del loro figlio minorenne. Il grido di aiuto non è rimasto inascoltato e per la vittima si è immediatamente attivato, come sempre accade in questi casi, il protocollo previsto che ha consentito alla ragazza di trovare accoglienza, assieme al figlio, in una struttura protetta. 
IL PRECEDENTE 
L’uomo era già finito in cronaca per quanto avvenuto un paio di settimane fa nella piazza principale del centro della Valle dei Santi. In preda ai fumi dell’alcol e dopo aver litigato con la moglie, che aveva avuto il coraggio di ribellarsi, ha cosparso di benzina l’area antistante un monumento ed ha appiccato il fuoco. 
Una volta giunti sul posto i carabinieri di San Giorgio a Liri, coordinati dal maresciallo Luca De Angelis, era finito in manette perché aveva aggredito i militari.  Poi è tornato in libertà, ma ora la magistratura ha emesso il provvedimento cautelare nei suoi confronti, per cui non può avvicinarsi ai luoghi frequentati dalla giovane donna. Un atto, quello del Gip, su richiesta del pubblico ministero titolare delle indagini a tutela della donna, ma anche del minore. 
Ora sono al sicuro, anche se la speranza di quanti conoscono la coppia è che l’uomo si ravveda e la famiglia torni ad unirsi. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA