Pugno alla compagna, lei in ospedale con il naso rotto: operaio a processo dopo la denuncia

Martedì 8 Febbraio 2022
Pugno alla compagna, lei in ospedale con il naso rotto: operaio a processo dopo la denuncia

Accecato dalla gelosia, operaio di 40 anni residente a Frosinone picchia selvaggiamente la fidanzata provocandole fratture che i sanitari hanno giudicato guaribili con quaranta giorni di prognosi.

È accaduto qualche tempo fa quando la coppia si era recata a mangiare in un ristorante con alcuni amici. Ma quella cena a causa della gelosia dell’uomo era terminata con i musi lunghi da parte di entrambi. In macchina i due avevano continuato a discutere e la donna aveva cercato di fargli capire che quella gelosia mostrata all’interno del ristorante era stata veramente fuori luogo. E siccome l’operaio sembrava non volerla ascoltare, la donna, adirata, aveva acceso la radio.

Quel gesto, però, è stato visto dal quarantenne come un modo di fare di chi non avesse voluto tener conto di quello che diceva. Così con il volto rosso dalla rabbia aveva bloccato la vettura ed aveva sferrato un pugno in pieno volto alla fidanzata. L’uomo non si era fermato nemmeno quando aveva visto il sangue che bagnava il sedile. Fortunatamente quella scena era stata notata da due camionisti che stavano sostando lungo la strada con il loro mezzo pesante. Entrambi erano subito accorsi in aiuto della malcapitata. La donna, che era riuscita a scendere dalla vettura, si era fatta scudo con due autotrenisti che avevano faticato non poco per cercare di calmare l’uomo.


LA VISITA IN OSPEDALE
Trasportata presso il pronto soccorso dell’ospedale di Frosinone, i medici avevano sottoposto la donna a tutte le radiografie del caso. E proprio da questi esami era emersa una frattura scomposta del setto nasale. I sanitari avevano stilato una prognosi di 40 giorni. Inutile dire che da quel momento la donna ha rotto il fidanzamento e tramite il suo legale di fiducia, Roberto Filardi, ha fatto scattare la denuncia nei confronti del suo ex. Per lungo tempo aveva sopportato la sua immotivata gelosia. Ma mai e poi mai aveva pensato che la persona che aveva scelto come compagno di vita potesse arrivare a metterle le mani addosso.

A conclusione delle indagini l’uomo è finito sotto processo per lesioni personali gravi. Nell’udienza che si terrà nei prossimi giorni verranno ascoltati proprio gli autotrasportatori che per primi avevano cercato di soccorrere la donna.

Ma. Mi.

Ultimo aggiornamento: 12:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA