Medici no vax, via ai controlli in Ciociaria

Giovedì 2 Settembre 2021
Medici no vax, via ai controlli in Ciociaria

Il numero esatto dei medici ciociari no vax ancora non si conosce, ma l’Asl di Frosinone ha acceso i riflettori su alcuni casi già segnalati. Sarebbero diversi i professionisti, sopratutto medici di medicina generale (quindi convenzionati con l’Asl), che al momento non si sarebbero sottoposti a vaccinazione: sono no vax oppure ci sono altre motivazioni? Lo sta accertando l’Asl. L’attenzione sui casi, se pur confermati dall’Asl, quindi è ancora in valutazione e, con ogni probabilità, nelle prossime ore si conosceranno tutti i dettagli e le eventuali decisioni assunte. I dettagli, invece, sono già emersi per quel che concerne i due infermieri sospesi, senza stipendio, perché non si sono vaccinati. Nessuna deroga, nessuna tolleranza: i sanitari per lavorare devono essere immunizzati. «Al momento - è stato spiegato dall’Asl di Frosinone - non possiamo che ribadire l’invito, rivolto a tutti, ad aderire alla campagna di vaccinazione. Il vaccino è l’unica arma, almeno per ora, in grado di fronteggiare l’avanzata della pandemia». Dunque, si continua a puntare tutto sulla vaccinazione. La percentuale di adesione tra la popolazione della provincia di Frosinone, pari al 78 percento, rispecchia l’andamento generale, sia regionale sia nazionale, ma con la vaccinazione libera, senza prenotazione, si punta a superare almeno l’80 percento.


I CONTAGI
Nel frattempo, i dati dei contagi diffusi nella giornata di ieri hanno fatto registrare un piccolo rialzo. Su 497 tamponi molecolari eseguiti in provincia di Frosinone martedì, sono stati registrati 33 nuovi positivi. I negativizzati sono stati 17 e non ci sono stati decessi. Questa la mappa dei nuovi contagi nei comuni: Cassino 11 casi; Frosinone 5; Roccasecca e Sant’Elia Fiumerapido 3; Pontecorvo 2. Un caso ad Alatri, Atina, Castelliri, Ceprano, Cervaro, Fontana Liri, Pignataro Interamna, Sora e Veroli. A livello regionale, ieri, su 6.744 tamponi molecolari e 14.590 antigenici per un totale di 21.334 test, si sono registrati 350 nuovi casi positivi (67 in più rispetto alle 24 ore precedenti), ma su scala settimanale sono 92 i casi in meno rispetto al 25 agosto. Tre sono stati i decessi, 448 sono i ricoverati, 71 le terapie intensive. «Sono in calo i ricoveri e le terapie intensive, diminuiscono i casi su base settimanale a conferma dell’efficacia della campagna vaccinale», ha spiegato l’assessore regionale alla Sanità, D’Amato.
Sul fronte dei servizi sanitari, dopo l’attacco hacker al sistema informatico della Regione, si torna lentamente alla normalità. A partire da oggi si possono prenotare visite ed esami diagnostici e specialistici. E’ stata ampliata l’offerta della rete di prenotazione, se si sceglie la modalità digitale ci si potrà collegare al portale della Regione tramite Recup prenotazioni online. C’è poi la modalità telefonica con il centro unico di prenotazione regionale Recup, chiamando il numero verde 06 9939 (attivo lunedì-venerdì 7.30-19.30 e sabato 7.30-13). Ma soprattutto ci si può recare, nuovamente, presso gli sportelli Cup.

Vi. Ca.

Ultimo aggiornamento: 3 Settembre, 00:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA