Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Abusi sulla figlia della compagna: arrestato un operaio

Sabato 28 Maggio 2022 di Marina Mingarelli
Abusi sulla figlia della compagna: arrestato un operaio


E' accusato di aver abusato sessualmente di una ragazzini figlia della compagna, per questo un operaio di 44 anni residente a Ceccano è stato arrestato. L'uomo, adesso, dovrà difendersi dall'accusa di violenza sessuale su minori. Il fermo dell'uomo è stato eseguito nei giorni scorsi dagli agenti della Squadra Mobile, in esecuzione della misura cautelare disposta dal gip del tribunale di Frosinone Ida Logoluso. Secondo gli elementi raccolti dagli investigatori della procura del Capoluogo sarebbero almeno quattro gli episodi sui quali si sta cercando di fare piena luce e che avrebbero riguardato i presunti abusi sessuali nei confronti della minorenne.
Stando alle informazione raccolte sembra che la violenza sessuale si sarebbe consumata nei primi mesi del 2022, sempre quando l'operaio, approfittando dell'assenza della compagna, si trovava solo con la minorenne.
LA RICOSTRUZIONE
In quei momenti l'operaio avrebbe manifestato le sue attenzione sessuali nei confronti della figlia della donna. La ragazzina per lungo tempo avrebbe tenuto dentro quel terribile segreto ma poi si sarebbe confidata con una amichetta, la quale le ha consigliato di parlare con la madre: l'unica persona che avrebbe potuto aiutarla ad uscire fuori da quella vicenda che l'aveva profondamente segnata. Quando la donna ha appreso quello che il convivente avrebbe fatto alla figlia in sua assenza è rimasta sconvolta.
La donna, con istinto materno, non ci ha pensato su due volte e dopo averlo allontanato dalla sua vita e da quella di sua figlia ha fatto scattare la denuncia nei suoi confronti. Gli accertamenti si sono svolti nel più stretto riserbo a garanzia soprattutto della minore. A conclusione delle indagini, il giudice per le indagini preliminari dottoressa Logoluoso, ritenendo che ci fossero tutti gli elementi per la misura cautelare in carcere ha firmato l'ordinanza e per il 44enne si sono spalancate le porte del carcere.
Ieri mattina, accompagnato dal suo legale di fiducia Mauro Roma, l'uomo è comparso davanti al gip del tribunale per l'interrogatorio di garanzia. Davanti al magistrato inquirente l'operaio ha fornito la propria versione dei fatti in relazione a questa vicenda che lo vede coinvolto. Il legale difensore nel frattempo ha chiesto che la misura cautelare in carcere possa essere attenuata con i domiciliari. Adesso spetterà all'avvocato Roma smontare tutto il castello accusatorio nei confronti del suo assistito.
Marina Mingarelli
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA