Vicenza, la panchina della discordia