Incidente Corso Francia, il Suv semidistrutto dopo lo schianto

Domenica 22 Dicembre 2019
foto

Sulla Renault Koleos, giudata da Pietro Genovese, figlio del regista Paolo Genovese, il 20enne che la notte scorsa a mezzanotte e mezza ha investito e ucciso due sedicenni a Roma, rimagono i segni indelebili dello schianto avvenuto a Corso Francia all'altezza di via Flaminia. Un'immagine terribile, violenta, che consegna alle coscienze di tutti noi l'ennesima testimonianza dei tanti, troppi, incidenti stradali che avvengono quotidianamente nelle nostre città, tra strade inghiottite da una movida notturna piena di voci, carezze, schiamazzi, ma anche di alcol e di brividi d'incoscienza che spesso si trasformano in tragedia. «Roma è una vera e propria giungla stradale dove regna oramai l'anarchia e il rispetto delle regole del Codice della strada è sempre più un miraggio». È quanto sottolinea il presidente del Codacons Carlo Rienzi.

Incidente corso Francia, la denuncia dell'amico di Gaia e Camilla: «Qui passano tutti col rosso»

«A dirlo -aggiunge- sono i numeri ufficiali su incidenti, morti e feriti registrati sulle strade della capitale: il 2018 si è chiuso con un bilancio tragico di 143 morti a Roma, di cui oltre un terzo (57 vittime) sono proprio pedoni. Non va meglio nel 2019: solo nei primi 11 mesi dell'anno, e solo nell'area urbana della città (escluso Gra e zone oltre il Gra) gli incidenti sono stati 27.000, con 111 vittime e 12.568 feriti».

Roma, due ragazze di 16 anni investite e uccise dal figlio di Paolo Genovese a Ponte Milvio

«L'elevato numero di incidenti stradali a Roma è determinato da un lato dall'assenza di controlli da parte delle forze dell'ordine, che porta gli automobilisti a trasgredire in modo sistematico le regole, certi di non incorrente in sanzioni, dall'altro dal peggioramento delle condizioni dell'asfalto e dalla segnaletica inadeguata, come le strisce pedonali invisibili in molte zone della città - prosegue Rienzi - Per tale motivo chiediamo alla Procura di estendere le indagini sulla tragedia di Ponte Milvio, verificando eventuali responsabilità per concorso dell'amministrazione comunale e accertando quanti e quali controlli stradali siano stati eseguiti dalle forze dell'ordine ieri nella zona teatro dell'incidente».

 

Ultimo aggiornamento: 15:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA