Furto al magazzino delle ferrovie a Trieste

TRIESTE -  Era appena uscito dal magazzino di proprietà delle Ferrovie dello Stato che si trova in via della Ferrovia a Opicina con sotto il braccio una pesante giunzione per binari in ferro e al passaggio della pattuglia dei Carabinieri di Villa Opicina la saluta. L’aspetto di quell’operaio, con un camice blu e una piccola scritta sul petto, ha insospettito però i militari che, dopo qualche centinaio di metri, incrociando un’auto parcheggiata a bordo strada, si sono fermati, venendo raggiunti dopo qualche minuto dallo stesso, che si è scusato per aver lasciato l’auto in quella posizione che avrebbe potuto creare intralcio alla circolazione. I sospetti dei militari sono aumentati notando che l’auto che riportava una targa straniera, oltre a non avere alcuna scritta di tipo aziendale, non era un veicolo in uso alle Ferrovie dello Stato. Invitato l’uomo ad aprire il bagagliaio, al suo interno sono stati rivenuti altri giunti in ferro, che con pazienza lo stesso aveva caricato prelevandoli uno a uno dal magazzino, oltre a un piede di porco e alcune smerigliatrici necessarie per agevolare l’attività delittuosa. Messo di fronte alle proprie responsabilità, ha ammesso di essere un ex ferroviere, ora in pensione, che sapendo dello stoccaggio del materiale nel magazzino aveva deciso di appropriarsene. Dopo le formalità, il 65enne cittadino sloveno, con precedenti dello stesso tipo, è stato arrestato per furto aggravato e condotto al Coroneo mentre il materiale recuperato è stato immediatamente restituito alle Ferrovie.