Katia, l'archeologa in viaggio per cercare nella terra le tracce del passato

Venerdì 31 Marzo 2023
foto

PORCIA - Sono ormai dieci anni che le conferenze tenute da Katia Gavagnin sono tra gli incontri più apprezzati della rassegna organizzata dall'Utle di Porcia.

La sua professione di archeologa l'ha portata in nazioni lontane come la Siria, la Georgia e l'Iraq, dalle quali è sempre tornata con incredibili storie da raccontare. «La prossima settimana andrò in Arabia Saudita per scavare intorno alla vecchia capitale. I sauditi vogliono costruire degli alberghi per turisti, ma prima hanno avuto l'accortezza di voler controllare che non ci sia qualcosa di importante sotto». Dopo gli studi in Archeologia del vicino Oriente a Venezia, la 45enne (nata e cresciuta a Porcia) ha conseguito un dottorato a Torino, ma per fare il suo mestiere non si finisce mai di studiare. «Ho imparato l'arabo e il georgiano e adesso sto studiando un po' il curdo perché gli operai locali non sanno l'inglese. In Arabia Saudita mi hanno detto che gli operai sono tutti pakistani o del Bangladesh e che parlano urdu, per cui magari imparerò anche un po' di urdu».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci