Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Brescia, esonda torrente dopo la bomba d'acqua: 40 evacuati e 3 feriti

Giovedì 28 Luglio 2022
foto

Strada statale e ferrovia chiusa per tutta la notte, acqua e fango ovunque. Questo lo scenario nei paesi dell'Alta Vallecamonica (Brescia) colpiti dal maltempo e dall'esondazione del torrente Re che ha coinvolto Braone e Niardo.

Quaranta persone sono state evacuate per questioni di sicurezza e a causa dell'odore di gas avvertito nel momento più intenso della bomba d'acqua che ha colpito la Vallecamonica. Tre i feriti non gravi. «A mezzanotte dopo un'ora di pioggia intensa abbiamo sentito un grande frastuono sembrava un terremoto: era il torrente esondato. Ora qui è un disastro» ha detto Carlo Sacristani, sindaco di Niardo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA