Velletri, maremmano azzanna donna anziana, morsa in più punti del corpo, grave in ospedale. Foto Luciano Sciurba

Ha rischiato di perdere un braccio la donna che ieri, a Velletri, è stata assalita dal proprio cane. Nerone, un animale di due anni di razza maremmana, ha azzannato, ferendo gravemente la sua padrona, una donna di 80 di anni. L'anziana, che risiede in via della Chiesola, nella campagna veliterna, verso le 13.30 stava facendo rientrare il cane nel recinto in cui viene tenuto quando il cancello della proprietà è aperto, quando Nerone le è saltato addosso. Il cane, che pesa intorno ai 70 chili, ha poi azzannato la donna al braccio destro. La signora è riuscita a divincolare l'arto per poi esser azzannata alla gamba e alla testa. A quel punto un nipote della donna, un ragazzo di 22 anni, attirato dalle grida è uscito in giardino e, dopo aver visto la nonna riversa a terra con il grosso cane addosso, è corso verso l'animale, gridando e sbattendo un grosso bastone per terra. Insieme ad una parente, in visita alla famiglia, sono riusciti a distrarre l'animale e rinchiuderlo nel recinto. Le gravità delle ferite riportate dalla donna sono apparse subito chiare ai volontari del 118 che l'hanno trasportata in codice rosso al pronto soccorso dell'ospedale Paolo Colombo di Velletri. Qui è stata sottoposta ad un primo intervento di ripulitura delle ferite subite alla mano, al braccio, al dorso e alla testa. Nella tarda serata è stata poi trasferita in un ospedale romano per subire una importante operazione di ricostruzione dei tendini e della cute. I tecnici del servizio veterinario della Asl Rm 6 sono arrivati sul posto insieme agli agenti della polizia di Velletri. Gli operatori del servizio dopo aver sedato l'animale, che presentava ancora tracce di aggressività, lo hanno trasferito al canile municipale. Qui l'animale sarà visitato e tenuto sotto stretta osservazione. Nerone, questo il nome del cane microcippato e regolarmente vaccinato, non aveva mai aggredito nessuno in precedenza, sembrava un animale abbastanza tranquillo anche se si innervosiva facilmente alla vista di persone sconosciute. E mentre la sua padrona era sotto i ferri in sala operatoria, lui si trovava rinchiuso insieme ad un altro animale, il bulldog che solo tre giorni fa ha quasi sbranato la sua padrona di 68 anni e il vicino di casa di 81. In quel caso solo l'intervento degli agenti della polizia locale di Velletri ha impedito che accadesse il peggio. Nel pomeriggio di lunedì a Nemi un pastore tedesco fuggito da una villa ha aggredito e morso ad un ciclista e un passante venuto in soccorso dello sportivo.
Eugenia Belvedere