Oligarchi russi, all'asta il primo yacht (da 65 milioni di sterline) sequestrato. Ma i proventi non andranno ai rifugiati

Gibilterra, i ricavi della vendita andranno a una banca di investimento statunitense (di cui è debitore il proprietario Dmitry Pumpyansky)

Sabato 20 Agosto 2022
Oligarchi russi, all'asta il primo yacht (da 65 milioni di sterline) sequestrato. Ma i proventi non andranno ai rifugiati

Il primo yacht extra-lusso sequestrato a un oligarca russo sostenitore di Putin finisce all’asta a Gibilterra. I ricavi non serviranno per aiutare i rifugiati ucraini, in fuga dalla guerra scatenata nel loro paese da Mosca alla fine di febbraio: andranno a una banca di investimento statunitense, la Jp Morgan, che sostiene che il proprietario dello yacht, Dmitry Pumpyansky, le debba più di 20 milioni di dollari.

Oligarchi russi, le ville in Costa Smeralda restano chiuse: ma lo Stato paga il personale

Costa Smeralda, i turisti americani riempiono il vuoto lasciato dai russi fermati dalle sanzioni

Si tratta di un’imbarcazione da 65 milioni di sterline, più di 76 milioni di euro: l’Axioma, 72,5 metri. Verrà messa all’asta dal governo di Gibilterra martedì. La nave dispone di sei lussuose cabine per gli ospiti, una piscina, una sala cinema 3D, una palestra, una jacuzzi e una spa completamente attrezzata. È stata sequestrata in marzo subito dopo l’attracco a Gibilterra.

 

Il proprietario

Pumpyansky è il proprietario e presidente del colosso Oao Tmk, produttore e fornitore leader a livello mondiale di tubi in acciaio per l’industria petrolifera e del gas, da cui si rifornisce anche la compagnia energetica statale russa Gazprom. L’oligarca è stato soggetto a sanzioni da parte del Regno Unito, dell’Ue e degli Stati Uniti. Il Regno Unito sostiene che Pumpyansky - patrimonio stimato in 1,84 miliardi di sterline - sia uno degli oligarchi più vicini a Putin.


Sono decine le ville e i superyacht sequestrati in tutto il mondo, ma Axioma è l’unico ad essere stato messo in vendita. In molti hanno suggerito che il ricavato venga utilizzato per assistere i rifugiati ucraini. Ma non sarà così. Il motivo è che, in realtà, lo yacht è stato sequestrato dal governo di Gibilterra dopo un’azione legale fatta da Jp Morgan, secondo la quale la holding di Pumpyansky Pyrene Investments è in debito di più di 20 milioni di dollari. Il fatto che il miliardario fosse stato sottoposto a sanzioni significava che i termini del prestito erano stati violati. Un portavoce del Gibraltar Courts Service, contattato dal Guardian ha dichiarato: «L’Axioma è stato sequestrato in seguito alla presentazione di una denuncia presso la Corte suprema». Da Jp Morgan hanno invece dichiarato: «Rifiutiamo gentilmente di commentare la questione Axioma. Jp Morgan ha un impegno filantropico da 5 milioni a 10 milioni di sterline per aiutare i rifugiati ucraini».

Ultimo aggiornamento: 22:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci