Coronavirus, Wuhan è isolata: bloccati treni, bus, aerei e traghetti. I morti sono 17

Mercoledì 22 Gennaio 2020
Virus Cina, Wuhan è isolata: bloccati treni, bus, aerei e traghetti. I morti sono 17

Tenersi lontani da Wuhan, descritta dai media cinesi come «il principale campo di battaglia» contro il coronavirus. Il drammatico appello è arrivato dal sindaco della città epicentro del focolaio, che ha cancellato anche un importante evento del capodanno locale. Anche il trasporto pubblico si ferma temporaneamente per contrastare la diffusione dell'epidemia di coronavirus. Tutti i voli e i treni in partenza dalla città cinese, focolaio del virus, sono stati cancellati. 

Nel crescente allarme per la diffusione del virus, con un ceppo simile alla Sars, che ha anche varcato i confini della Cina, arrivando fino agli Stati Uniti e forse alla Russia, i riflettori restano puntati su Wuhan. Perché nella città della provincia centro-orientale di Hubei si registra la stragrande maggioranza di contagi tra gli almeno 440 complessivi da quanto è scattata l'emergenza. 

Virus Cina, primo contagio negli Stati Uniti. A Roma controlli rafforzati

Virus cinese, sintomi e precauzioni: manca il vaccino, sì alla mascherina
 

Wuhan, metropoli di 11 milioni di abitanti

Nella sola provincia si contano almeno 17 morti, e non aiuta il fatto questa metropoli di 11 milioni di abitanti sia un importante snodo per il trasporto della regione. In un momento in cui centinaia di milioni di persone viaggiano su treni, aerei e autobus in tutto il paese per riunirsi ad amici e parenti per le vacanze del capodanno, che inizia venerdì. Per contenere l'epidemia il sindaco Zhou Xianwang ha tentato di correre ai ripari con misure drastiche, anche a costo di danneggiare la stagione turistica. 
 
 

Dazi, verso l'intesa fra Usa e Cina

«Se non è necessario non venite a Wuhan», ha detto alla tv di stato, annunciando di aver cancellato il principale evento di celebrazione del capodanno lunare, una delle più sentite festività tradizionali cinesi. Ed ha esortato anche i residenti a non lasciare la città. Nel frattempo, sono scattate misure d'emergenza. Scanner per misurare la febbre sono stati installati alla stazione ferroviaria e all'aeroporto e i funzionari stanno controllando la temperatura dei conducenti ai posti di blocco dell'autostrada. Ai gruppi di tour in uscita è stato vietato lasciare la città. Resta chiuso il mercato ittico da cui sarebbe germogliato il virus, il mese scorso, e la polizia sta effettuando controlli a campione per pollame vivo o animali selvatici in veicoli che escono ed entrano in città. Soltanto oggi, invece, è scattato l'obbligo di indossare le maschere in tutti gli spazi pubblici, dopo che nelle ultime settimane i cittadini di Wuhan ne avevano fatto a meno.

Virus Cina, le partite di calcio femminile per Tokyo non si giocheranno più a Wuhan

Peste suina, sequestrate a Padova 10 tonnellate di carne cinese

Inizialmente, infatti le autorità avevano spiegato che il virus sembrava trasmettersi dagli animali, mentre adesso si è scoperto che è possibile il contagio da uomo a uomo. Il viceministro della National Health Commission Li Bin si è unito alle esortazioni delle autorità cittadine, spiegando che in questo momento «è meglio non visitare Wuhan». Sottolineando che il virus, che si trasmette per vie respiratorie, «potrebbe mutare e propagarsi ancora più facilmente». Eppure, non tutti sembrano aver raccolto il suggerimento. «La cosa più semplice che sembrano dirci di fare è non viaggiare ma abbiamo già fatto i nostri piani, quindi non c'è niente che potremmo fare», ha detto il 23enne Kong Jun, un residente di Wuhan subito dopo l'arrivo all'aeroporto di Bangkok. Mentre Charly Bonnassie, una studentessa francese di 24 anni che ha preso un treno in partenza da Wuhan ha raccontato all'Afp che «tutti a bordo indossavano una maschera». Così ora, a quanto sembra, non se ne trova più una negli scaffali di tutte le farmacie. Con Wuhan in preda alla preoccupazione, il presidente cinese Xi Jinping ha tentato di rassicurare la popolazione, chiarendo che il suo governo ha adottato «severe misure di controllo e prevenzione» per contrastare l'epidemia. Ed offrendo piena collaborazione all'Oms, che si è riunita d'urgenza per decidere se dichiarare «un'emergenza sanitaria internazionale».

Tre tazze di tè a settimana aiutano il cuore, ecco perché
 

Ultimo aggiornamento: 23 Gennaio, 07:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA