Brittney Griner, la stella del basket americano in cella in Russia: Mosca propone uno scambio con Viktor Bout, «il mercante della morte»

L'uomo ha inondato di armi i feroci conflitti in Africa e in Medio Oriente, secondo le autorità statunitensi, ed è stato arrestato in Thailandia nel 2008, estradato negli Stati Uniti e condannato a 25 anni

Domenica 15 Maggio 2022
Brittney, la stella del basket americano in cella in Russia: Mosca propone uno scambio con Viktor Bout, «il mercante della morte»
1

Per la prima volta in tre mesi, da quando la star del basket femminile americano Brittney Griner è stata arrestata in Russia, da Mosca arrivano segnali per uno scambio. Schermaglie normali diplomatiche se non fosse che dalla Russia chiedano il famigerato trafficante di armi Viktor Bout, le cui "imprese" gli sono valse il soprannome di "Mercante della morte". L'uomo ha inondato di armi i feroci conflitti in Africa e in Medio Oriente, secondo le autorità statunitensi, ed è stato arrestato in Thailandia nel 2008, estradato negli Stati Uniti e condannato a 25 anni per cospirazione per uccidere cittadini statunitensi, consegna di missili antiaerei e fornitura di aiuti a un'organizzazione terroristica.

Lo scambio con Viktor Bout

Dopo l'arresto di Bout, gli Stati Uniti hanno affermato che i suoi alleati russi hanno cercato di bloccare la sua estradizione dalla Thailandia all'America corrompendo testimoni chiave per fornire false testimonianze. Dalla sua condanna nel 2012, Bout è stato in cima alla lista dei desideri di scambio di prigionieri della Russia ed è stato ripetutamente collegato ai media statali russi con potenziali scambi che coinvolgono americani incarcerati che però non si sono realizzati.

Mentre un rapporto dei media statali russi ha citato una fonte anonima che ha descritto un potenziale scambio Griner-Bout come «probabile», gli esperti di diplomazia russa guardano ancora con scetticismo all'operazione. William Pomeranz, professore di diritto russo e direttore ad interim del Kennan Institute, ha detto a Yahoo Sports di interpretare i rapporti come un segnale che «la Russia vuole davvero fare quello scambio».

Usa-Russia, scambio di prigionieri: rilasciato il marine Trevor Reed. Cosa significa per i rapporti tra Washington e Mosca?

Griner è in carcere dal 17 febbraio, quando è volata in un aeroporto di Mosca dove i funzionari doganali russi avrebbero trovato nel suo bagaglio cartucce di vaporizzatori contenenti olio di hashish. È indagata per trasporto su larga scala di droga e rischia fino a 10 anni in una prigione russa, se condannata. Griner è apparsa in un'udienza in un'aula di tribunale fuori Mosca venerdì e la sua custodia cautelare è stata prorogata di un mese. Le foto scattate durante l'udienza mostrano Griner che lascia l'aula ammanettata, il cappuccio di una felpa arancione tirata sopra la testa e i suoi caratteristici dreadlock.

Gli scambi Usa-Russia

Il mese scorso, gli Stati Uniti e la Russia hanno completato uno scambio di prigionieri nonostante il deterioramento delle relazioni tra le due nazioni dovuto alla guerra in Ucraina. Trevor Reed, l'ex marine che secondo gli Stati Uniti è stato ingiustamente detenuto in Russia per quasi tre anni, è tornato a casa in cambio di Konstantin Yaroshenko, un pilota russo condannato per traffico di droga.

Il rilascio di Reed lascia in Russia almeno due americani che gli Stati Uniti classificano come detenuti ingiustamente: Griner e Paul Whelan, un altro ex marine condannato a 16 anni con l'accusa di spionaggio. Uno scambio adesso Griner-Bout potrebbe essere particolarmente sgradevole per gli Stati Uniti. Bout è una figura molto più nota di Yaroshenko, avendo ispirato il personaggio di Nicolas Cage nel film del 2005 "Lord of War". La storia del traffico di armi di Bout fa anche apparire minime al confronto le accuse contro Griner.

Ultimo aggiornamento: 14:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci