Cina, siero da inalare in fase 1 dei test: meno reazioni avverse

Sabato 31 Luglio 2021
Cina, siero da inalare fase 1 dei test: meno reazioni avverse

Un farmaco anti Covid da inalare: è questo il prodotto immunizzante sviluppato in Cina a base di vettore di adenovirus. Il vaccino ha superato la fase 1 della sperimentazione ed è stato studiato congiuntamente dall'Accademia delle Scienze Mediche Militari, dall'Ospedale Zhongnan dell'Università di Wuhan e da altri istituti cinesi.

Studi precedenti in modelli animali hanno dimostrato che un singolo Ad5-nCoV protegge il tratto respiratorio superiore. L'immunità delle mucose ha benefici potenziali nell'innescare la difesa immunitaria locale e sistemica, impedendo così agli agenti patogeni di invadere la superficie. Secondo il documento pubblicato online su Lancet Infectious Diseases lo scorso settembre, 130 volontari sono stati arruolati e assegnati casualmente in cinque gruppi per essere vaccinati tramite iniezione intramuscolare, inalazione di aerosol o entrambi. I partecipanti ai due gruppi di somministrazione dell'aerosol hanno ricevuto il primo giorno una dose iniziale alta o bassa di vaccino Ad5-nCoV, seguita da un richiamo al 28ø giorno. Il gruppo di vaccinazione mista ha ricevuto un vaccino intramuscolare Ad5-nCoV il primo giorno, seguito da un richiamo aerosolizzato il 28ø giorno.

 

No-Vax in ospedale in fin di vita, la moglie lo fotografa e lancia un appello: «Vaccinatevi»

 

Secondo il documento, il vaccino inalato è ben tollerato. Una dose di Ad5-nCoV aerosolizzato, pari a un quinto di una dose intramuscolare, ha stimolato una forte risposta. Dopo la prima iniezione nel braccio, un'inalazione di richiamo al 28° giorno ha indotto robuste risposte anticorpali. Hou Lihua, ricercatore dell'Accademia delle Scienze Mediche Militari, ha spiegato che, non avendo bisogno di essere iniettato, elimina una serie di reazioni avverse come il dolore al braccio e il gonfiore che potrebbero disincentivare le persone a farsi vaccinare. Allo stesso tempo, la dose del vaccino inalato è molto bassa, fattore che permette di aumentarne notevolmente la produzione e risolvere anche il problema dei rifiuti medici come le siringhe. Il vaccino è attualmente alla fase 2 di sperimentazione clinica.

 

Green Pass, Mirabelli: «Va garantito a tutti, è questione di uguaglianza»

Ultimo aggiornamento: 1 Agosto, 11:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA