Siria, Turchia pronta all'offensiva: bombe al confine con l'Iraq

PER APPROFONDIRE: donald trump, siria, turchia, usa
Siria, Turchia pronta all'offensiva: bombe al confine con l'Iraq
Tutto pronto in Siria per l'offensiva della Turchia contro le milizie curde dell'Ypg. «Tutte le preparazioni sono state completate per l'operazione», ha reso noto via Twitter il ministero della Difesa di Ankara. «La creazione di una zona di sicurezza/corridoio di pace è essenziale per la sicurezza dei siriani e la pace e stabilità della regione. Le forze di sicurezza turche - prosegue la Difesa - non tollereranno la creazione di un corridoio del terrore ai nostri confini».

Tensione Turchia-Siria, la questione dei curdi: un popolo alla ricerca dell'indipendenza

«Il nostro messaggio alla comunità internazionale è chiaro. La Turchia non è un Paese che agisce sotto minaccia», ha detto il vicepresidente turco, Fuat Oktay, riferendosi alle parole di Donald Trump su eventuali choc all'economia turca in caso il governo di Recep Tayyip Erdogan superi «i limiti» nell'imminente operazione militare contro le milizie curde dell'Ypg nel nord-est della Siria. Quando si tratta della sua «sicurezza, la Turchia segue la propria strada» e lo fa «a qualunque prezzo», ha aggiunto Oktay, intervenendo a una cerimonia di apertura dell'anno accademico ad Ankara.

Le forze militari curdo-siriane non escludono di collaborare con il governo di Damasco in funzione anti-turca. Lo ha detto oggi Mazlum Abdi, comandante in capo delle forze curdo-siriane nel nord-est della Siria, ribadendo un concetto già espresso nei mesi scorsi di fronte alle insistenti minacce militari turche. «Stiamo considerando una partnership col presidente siriano Bashar al Assad con l'obiettivo di combattere le forze turche», ha detto Abdi.

Intanto, come riferisce l'agenzia Sana, l'artiglieria turca ha colpito nella notte la regione nord-orientale siriana al confine con l'Iraq. Gli Stati Uniti smentiscono il ritiro delle truppe dalla Siria: «verranno ricollocati in altre basi solo 50-100 uomini delle forze speciali». 


Turchia pronta a invadere il nord della Siria, le truppe Usa si ritirano
Siria: Ue, preoccupa Turchia, soluzione è non militare
 
 

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 7 Ottobre 2019, 14:39






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Siria, Turchia pronta all'offensiva: bombe al confine con l'Iraq
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 22 commenti presenti
2019-10-09 01:04:24
L'alleanza con la turchia e' una pessima eredita' della guerra fredda, di cui l'occidente farebbe bene a disfarsi.
2019-10-08 18:43:45
Ricordo che nelle carta geografica a scuola, c'era lo stato del Kurdistan. Poi se lo sono spartito Iraq e Turchia di certo non per motivi religiosi.
2019-10-08 14:48:49
Mi sa tanto che Trumop ha fatto un annuncio per saggiare le intenzioni dei Turchi che si sono subito palesati.Probabile che i 100 ricollocati diventino 5 e gli altri restino dove sono.
2019-10-08 12:26:04
§§ Poveri Kurdi,che ancora una volta saranno sacrificati come agnelli nell'altare della geopolitica,nella faida Sunni-Shiiti,ai giochi di potere e supremazia regionale Iran-Saudi. In Siria l'Occidente ha gia' perso,in tutti i sensi,la guerra contro il Califfato l'hanno vinta i Kurdi ed i Russi,ma solo i Kurdi pagheranno,perche' di loro non interessa niente a nessuno.
2019-10-08 13:55:33
Giova ricordare che tutto sto casotto trova origini nella guerra di Zio Sam in Iraq appoggiato da zio Silvio e i tuoi paladini legaioli allo sGoverno.....sempre guai combinate e poi date la colpa agli altri...solito vizio.