Texas strage scuola, «Nascosto sotto a un tavolo ho visto i miei compagni morire»: il racconto choc di un bimbo sopravvissuto

Giovedì 26 Maggio 2022
Texas strage scuola, «Nascosto sotto a un tavolo ho visto i miei compagni morire»: il racconto choc di un bimbo sopravvissuto

«Quell'uomo è entrato in classe, si è accovacciato un po' e poi ci ha detto: è ora di morire. Quando ho sentito gli spari attraverso la porta, ho detto al mio amico di nascondersi sotto qualcosa in modo che lui non ci potesse trovare. Così mi sono nascosto sotto ad un tavolo coperto con una tovaglia di stoffa e ho detto al mio amico di non parlare perché lui ci avrebbe ascoltato». E' sopravvissuto così alla sparatoria di massa nella scuola elementare del Texas un bambino di 9 anni che ha ricordato il momento straziante in cui il killer 18enne Salvador Ramos si è precipitato nella sua classe e ha lanciato un agghiacciante avvertimento agli studenti.

Texas strage bambini, agente vide il killer ma non lo fermò. Lui scrisse a una ragazza: «Vado a sparare in una scuola»

Il ragazzino di 9 anni e altri quattro si sono nascosti sotto un tavolo coperto di stoffa mentre Ramos, 18 anni, ha aperto il fuoco in classe, uccidendo 19 studenti e due insegnanti. Altri diciassette sono rimasti feriti. Le autorità affermano che non è chiaro il motivo per cui l'adolescente ha preso di mira la scuola. Non aveva precedenti penali o malattie mentali conosciute. Aveva litigato con sua nonna su chi avrebbe pagato la bolletta del telefono prima di iniziare la sua follia omicida, hanno rivelato le forze dell'ordine a CBS News. 

 


L'alunno di quarta elementare racconta che Ramos si è precipitato nella loro classe dopo aver sparato a un'altra porta della scuola: «Si è precipitato in classe e ha detto: è ora di morire». Lui e altri quattro si sono riparati sotto un tavolo, che secondo alcuni esperti li ha protetti dalla vista di Ramos e salvato loro la vita. «Quando sono arrivati ​​i poliziotti, il poliziotto ha detto: "Urla se hai bisogno di aiuto!" E una delle persone della mia classe ha detto "aiuto". Il ragazzo ha sentito per caso, è entrato e le ha sparato. Poi il poliziotto ha fatto irruzione in quella classe. Il ragazzo ha sparato al poliziotto. E i poliziotti hanno iniziato a sparare».

Le maestre eroine

«Siamo rimasti nascosti fino alla fine degli spari - ha raccontato ancora il bimbo -  Poi ho aperto la coperta che copriva il tavolo e ho allungato la mano. Sono uscito con il mio amico. Sapevo che c'era la polizia. Ho visto l'armatura e lo scudo». Il bambino ha anche affermato che i suoi insegnanti, Irma Garcia, 46 anni, ed Eva Mireles, 44 anni, si sono sacrificati per proteggere i loro studenti. «Erano brave insegnanti -  ha detto - Sono andate davanti ai miei compagni di classe per aiutarli. Per salvarli». 

Il ritardo nell'intervento della polizia

Ramos ha usato un fucile semiautomatico in stile AR-15 nella strage di martedì alla Robb Elementary School di Uvalde. Aveva legalmente acquistato due di questi fucili pochi giorni prima dell'attacco, subito dopo il suo diciottesimo compleanno, hanno detto le autorità. Una delle armi è stata acquistata presso un rivenditore con licenza federale nell'area di Uvalde il 17 maggio, secondo il senatore statale John Whitmire, informato dagli investigatori. Ramos ha acquistato 375 colpi di munizioni il giorno successivo, quindi ha acquistato il secondo fucile venerdì scorso. Martedì mattina, Ramos ha sparato e ferito sua nonna a casa sua, poi se n'è andato. I vicini hanno chiamato la polizia quando è uscita barcollando e hanno visto che le avevano sparato in faccia, ha detto il portavoce del Dipartimento di Pubblica Sicurezza Travis Considine. Ramos ha quindi fatto schiantare il suo camion contro una ringhiera sul terreno della Robb Elementary School e un ufficiale del distretto scolastico di Uvalde ha scambiato il fuoco con lui ed è stato ferito. L'adolescente è entrato e ha scambiato altri colpi di arma da fuoco con due agenti di polizia di Uvalde in arrivo, che erano ancora fuori, ha detto Considine. Feriti anche quegli ufficiali.

Una donna ha urlato contro la polizia fuori dalla scuola, ha ricordato Juan Carranza, 24 anni, che vive di fronte all'edificio. Ha detto ad ABC News che urlava: «Entra! Vai là dentro!». Ma ha notato che gli ufficiali non sono entrati nell'edificio. Jacinto Cazares, la cui figlia di 10 anni Jacklyn è stata tra le 21 uccise, ha chiesto di sapere perché Ramos è stato in grado di scatenarsi nella scuola per 90 minuti finché non è stato ucciso a colpi di arma da fuoco.

Ultimo aggiornamento: 27 Maggio, 11:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci