Usa, dopo 67 anni una donna condannata a morte. Ira associazioni: «Merita di vivere, subì abusi»

Domenica 18 Ottobre 2020
Stati Uniti, prima donna condannata alla pena di morte dopo 67 anni, associazioni in rivolta: «Merita di vivere, ha subito abusi»

Lisa Montgomery sarà la prima donna dopo 67 anni ad essere giustiziata con la pena di morte negli Stati Uniti. L'esecuzione, autorizzata dall'amministrazione Trump dopo un periodo in cui questo tipo di sentenze erano state messe in standby, è prevista per il prossimo 8 dicembre, ma le associazioni sono sul piede di guerra per impedire che alla donna sia somministrata l'iniezione letale. La 52enne originaria del Kansas, infatti, è stata dichiarata colpevole di un crimine molto efferato, ma i suoi legali sostengono che non fosse in grado di intendere e di volere perché il suo cervello avrebbe subito danni a causa degli abusi ricevuti da piccola.

Condannata per frode finge di essere morta: la polizia la trova nell'armadio di casa

Kelley Henry, il legale della donna, ha detto che «ucciderla è una profonda ingiustizia dato il suo passato» e ha poi spiegato che «Lisa Montgomery si è dichiarata colpevole e non lascerà mai la prigione in cui è rinchiusa». Alcune associazioni he si battono per i diritti dei detenuti sostengono che il presidente Trump, abbia riattivato le condanne a morte esclusivamente per fini elettorali. Finora, però, le loro proteste non hanno trovato riscontri nell'amministrazione del presidente Usa.

Bangladesh, dopo le proteste in piazza si va verso la pena di morte in caso di violenza sulle donne

Nel 2004 la donna, che all'epoca aveva 36 anni, aveva aveva ucciso, strangolandola, Jo Stinnett, una donna incinta. Montgomery le avrebbe poi tagliato l'addome con un coltello da cucina per prelevare il feto di otto mesi e scappare. Un gesto atroce che le è costato la condanna nel 2007. Lo scorso 14 luglio l'amministrazione Trump ha ripreso le esecuzioni federali dopo un periodo di sospensione della durata di 17 anni.

Oltre a quella di Montgomery per il 10 dicembre era prevista un'altra condanna a morte, quella di Brandon bernard, condannato per aver ucciso nel 1999 due giovani pastori del texas. Ma la storia della Montgomery aveva destato scalpore perché si trattava della prima donna condannata all'iniezione letale dopo 67 anni. L'ultima donna ad essere messa a morte negli Stati Uniti era stata Bonnie Heady, giustiziata in una camera a gas del Missouri nel 1953. 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 13:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA