Squalo sbrana un uomo in mare sotto gli occhi di quattro ragazzini

Domenica 7 Novembre 2021
Squalo sbrana un uomo in mare sotto gli occhi di quattro ragazzini

Uno squalo lungo 4,5 metri ha attaccato e sbranato Paul Millachip in mare a pochi metri dalla spiaggia di Port Beach a North Fremantle (Australia), sotto gli occhi di quattro ragazzini che erano a bordo di un gommone, non lontano dal porto. La tragedia è avvenuta ieri mattina e il corpo dell'uomo, trascinato dallo squalo, non è stato più ritrovato.

La vittima è stata identificata dalla polizia australiana come Paul Millachip, 57enne sposato e padre di due figli, polizia che ha annunciato di aver sospeso le ricerche dell'uomo alle 16 (ora locale) di domenica.

In lacrime la moglie di Paul Millachip, che ai giornali australiani ha detto che suo marito è morto facendo ciò che più amava ed era un «grande papà»: la coppia, infatti, si allenava in spiaggia due o tre volte la settimana, e dopo la corsa Paul Millachip amava nuotare non lontano dalla riva.

 

Il grande squalo sezionato e cucinato in diretta social. L'allarme: «Specie a rischio»

Tartarughe marine, strage in Messico. Oltre 300 annegate per la pesca illegale: «Erano tutte femmine»

 

Ragazzini eroi

La polizia australiana ha detto in conferenza stampa di essere stata allertata da alcuni adolescenti che hanno assistito da molto vicino all'attacco dello squalo: «Quattro ragazzini hanno visto cosa stava succedendo nell'acqua, quando una persona è stata attaccata da uno squalo - ha detto la polizia -. I giovani hanno immediatamente allertato i servizi di emergenza e da veri eroi hanno avvisato gli altri ragazzi che stavano facendo surf vicino a dove è accaduta la tragedia e poi hanno tirato fuori dall'acqua altri nuotatori».

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 19:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA