"Sposa dell'Isis" lascia morire di sete una bambina: condannata a 10 anni di carcere

Alla sbarra una donna tedesca convertita allo Stato islamico. Vittima una bambina della minoranza yazida in Iraq

Lunedì 25 Ottobre 2021
"Sposa dell'Isis" lascia morire di sete una bambina: condannata a 10 anni di carcere
3

È un processo che ha «qualcosa di storico», ha ammesso perfino l'avvocato di Jennifer W.sposa dell'Isis rientrata in Germania dall'Iraq e condannata oggi dalla Corte di appello di Monaco a 10 anni di carcere per crimini contro l'umanità. Sei anni fa l'imputata non fece nulla, secondo chi ha emesso la condanna, per salvare una bimba della minoranza yazida di 5 anni, incatenata al sole in pieno giorno e lasciata morire di sete dal suo ex marito, alla sbarra in un altro processo a Francoforte. I magistrati sono convinti che Jennifer W. abbia anche minacciato la madre, che veniva sfruttata come schiava dalla coppia, di ucciderla sparandole se non avesse smesso di piangere la sua piccola. 

 

Afghanistan, attentato vicino a una moschea di Kabul: almeno 12 morti e 32 feriti

 

Il processo

 

Eppure con questo passato alle spalle, la donna è rimasta sconvolta dalla sentenza e ha subito cercato con gli occhi il suo avvocato in cerca di conforto, prima di mettere la testa fra le mani. La donna è stata dichiarata colpevole di appartenenza a un'associazione terroristica all'estero, collaborazione in tentato omicidio, tentati crimini di guerra e messa in schiavitù con la conseguenza di una morte. E considerando che rischiava fino all'ergastolo, per il suo difensore la sentenza è stato addirittura un «successo». All'epoca dei fatti aveva 30 anni. E oggi in aula, nelle ultime file, c'era anche la madre della bambina, che si è costituita come parte civile. L'imputata «avrebbe dovuto immaginare che sotto il sole la bimba avrebbe rischiato di morire» ma non ha fatto nulla per aiutarla pur «potendolo» fare, ha sillabato il giudice Joachim Baier.

 

 

Il processo, iniziato nell'aprile 2019, fece un certo clamore, anche per il ruolo di Amal Clooney che ha rappresentato la madre della bambina, pur senza mai comparire in aula. Secondo l'associazione Yazida quello di Monaco è stato il processo aperto sulla prima denuncia di un esponente di questa minoranza religiosa contro i reati dell' Isis. Una violenza che neppure il legale di Jennifer W. ha potuto e voluto negare: «Che l' Isis perseguiti in modo brutale gli yazidi è fuori discussione. Nessuno può disconoscere questa sofferenza», ha affermato.

Il caso specifico però riguarda la partecipazione personale della sua cliente al delitto, ha affermato Ali Aydin. E il fatto che la corte abbia ammorbidito le accuse della Procura, che aveva chiesto invece l'ergastolo per crimini di guerra, è stato «comunque un successo». Sul processo di Monaco è intervenuta anche Nadia Murad, premio Nobel per la pace: «Ogni sopravvissuto con cui io abbia parlato, aspetta la stessa cosa. Che i carnefici rispondano dei loro reati contro gli yazidi, in particolare contro donne e bambini, e che vengano portati davanti al tribunale perché i loro delitti siano perseguiti».

Ultimo aggiornamento: 20:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA