Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sorelle pakistane uccise dai suoceri per onore: vivevano in Spagna, volevano il divorzio per sposarsi in Europa

La polizia ha aperto un caso contro sette familiari delle vittime

Domenica 22 Maggio 2022
Sorelle pakistane uccise dai suoceri per onore: vivevano in Spagna, volevano il divorzio per sposarsi in Europa
1

Una storia orrenda. Aneesa e Arooj Abbas, pakistane, sono state strangolate e poi finite a colpi di arma da fuoco venerdì sera nel villaggio di Nathia, nel distretto di Gujrat. Nuaman Hussain, portavoce della polizia locale, ha detto all'Ansa che entrambe le sorelle insieme alla madre erano tornate dalla Spagna lo scorso 19 maggio. Secondo lui, le giovani erano state fatte sposare con i loro cugini un anno fa e ora volevano divorziare per sposarsi di loro spontanea volontà in Europa. La polizia ha spiegato che le due sorelle sarebbero state uccise per «onore», una pratica brutale in base alla quale una donna viene uccisa per aver disonorato la sua famiglia.

Saman, rinviati a giudizio tutti i genitori e gli altri familiari imputati: prima udienza a febbraio 2023

Saman, Hina e Sana e i nostri sguardi indifferenti: non possiamo più accettare la barbarie di chi viola le nostre leggi

Azra Bibi, madre delle vittime, ha affermato di essere stata tenuta lontana dalla scena del crimine. Tuttavia non ha presentato denuncia contro l'omicidio delle figlie. La polizia ha aperto un caso contro sette familiari delle vittime e altre due persone, tutti latitanti. L'omicidio delle due sorelle è avvenuto nello stesso distretto del Punjab dove l'italo-pachistana Sana Cheema, 26 anni, è stata uccisa da suo padre e suo fratello nel 2019. Nata in Pakistan e vissuta a Brescia, Sana Cheema voleva sposare un italo-pachistano ma la sua famiglia si era opposta. Il padre, il fratello e lo zio di Sana sono stati arrestati in relazione al suo omicidio, ma in seguito un tribunale di Gujrat li ha assolti per mancanza di prove. Ogni anno centinaia di donne vengono uccise con l'accusa di «disonore» in Pakistan. Nel 2021 nel paese asiatico sono stati segnalati oltre 400 casi di «delitto d'onore».

Ultimo aggiornamento: 23 Maggio, 14:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci