Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Samantha Cristoforetti, la felicità spaziale per la prima passeggiata. Prime vere foto dell'Eva: anche la famiglia in orbita

Le immagini della prima attività extraveicolare dell'astronauta italiana

Mercoledì 27 Luglio 2022 di Paolo Ricci Bitti
Samantha Cristoforetti, la felicità spaziale per la prima passeggiata in orbita. Le prime vere foto dell'Eva. I record

Samantha Cristoforetti, le prime foto della prima passeggiata spaziale di un'europea. Le prime foto della felicità spaziale dell'astronauta italiana che ha finalmente toccato il cielo con un dito realizzando a 45 anni il sogno "spaventosamente improbabile" (sua definizione) che l'ha accompagnata fin dall'infanzia sotto le volte stellate delle montagne trentine. Con lei, appiccicata sulla borsa attrezzi, anche una foto con il compagno e i due figli: la prima foto di famiglia che l'ingegnera trentina rende pubblica.

C'è voluta quasi una settimana, ma ecco le prime vere foto dell'Eva (Attività extra veicolare) effettuata il 21 luglio: "vere" perché  finora ci si era accontentati di nebulosi fermo-immagini ricavati da sgranati video che peraltro riprendevano per quasi tutte le 7 ore 5 minuti solo il collega Oleg Artemeyev (tuta Orlan righe rosse, alla sesta Eva). Una insistita preferenza che per di più avveniva grazie alle telecamere del casco dell'italiana:  la regia di questa "passaggiata" era di Roscosmos, l'agenzia spaziale russa, e finora, così notidamente, della Cristoforetti avevamo visto solo le mani impegnate a trafficare su braccia robotiche, nanosatelliti e quadri di comando. E poche ore dopo è arrivato anche il primo Tweet e il primo video su TikTok "postati" dalla stessa Cristoforetti che ringrazia tutti gli staff russi, americani ed europei che hanno reso possibile l'Eva.

Samantha Cristoforetti, le prime vere foto dell'Eva e il primo Tweet dell'astronauta dell'Esa

Adesso invece Agenzia spaziale europea e Nasa hanno diffuso le foto spettacolari della “manutenzione” alla stazione spaziale internazionale effettuata da Samantha Cristoforetti (tuta russa con righe blu) e il cosmonauta  Artemeyev, che è anche deputato alla Duma per il partito conservatore “Russia Unita” di Putin (e non lo nasconde). Ecco le foto.

Sono foto magnifiche come tutte quelle che riprendono un astronauta appeso all'orbitra terrestre, solo la tuta a dividerlo del nero cosmico, dall'abbacinante bagliore del sole, dall'infinito. E poi la bandiera dell'Italia di nuovo in orbita, lo stemma dell'Esa, la collaborazione gomito a gomito - lassù - fra un'europea e un russo: un messaggio forte rispetto a ciò che sta accadendo in Ucraina.

Ma ce n'è anche un'altra che merita di essere sottolineata: è un primo piano di Samantha Cristoforetti, madre di una bambina e di un bambino, che indossa la tuta blu "di sopravvivenza" con cuffia, ovvero di quella veste attillata trapuntata da 80 metri di tubicini che mantengono il corpo a temperatura normale anche se fuori, nello spazio, ci sono 100 gradi oppure meno 150 gradi a seconda dell'esposizione. 

La felicità dell'astronauta italiana è contagiosa: fra pochi minuti uscirà dal portellone dell'Iss e fluttuerà in orbita attorno alla stazione spaziale. Una "passeggiata" così è il massimo per un astronauta: di più c'è solo il mettere il piede sulla Luna, un privilegio toccato finora solo a 12 uomini. 

In attesa allora di tornare sulla Luna, la passeggiata spaziale è la massima meraviglia possibile: solo la tuta a dividerti dallo spazio, la possibilità di guardare a 360 gradi il cosmo, sotto i piedi o sopra la testa la Terra che scorre velocissima, a 400 chilometri di distanza e a 28.800 chilometri orari. Il massimo. 

Il culmine di una carriera, di un'esperienza finora toccata a una manciata di uomini e donne, così pochi che non è stato ancora possibile scrivere un nuovo vocabolario per raccontare a noi terrestri le emozioni vissute in orbita. La felicità negli occhi e nel sorriso di Samantha Cristoforetti, quella sì, è invece comprensibile e trascinante.  

Qui sotto la cronaca minuto per minuto dell'Eva del 21 luglio

Samantha Cristoforetti, missione compiuta: prima storica passeggiata spaziale per un'europea. Video. Foto. Dal pannolone alla polvere d'oro: la tuta Orlan

  

I record

E poi nessuna europea aveva mai fatto una passeggiata spaziale e del resto su 240 fra astronauti, cosmonauti e taikonauti che hanno fatto Eva (su 605 andati in orbita) le donne fino al 21 luglio erano state solo 17. Un altro primato per l'astronauta trentina, insomma, alla sua seconda esperienza nello spazio: la missione Minerva dell'Esa con la collaborazione dell'Agenzia spaziale italiana è iniziata il 27 aprile e terminerà in settembre a meno che, notizie dell'ultim'ora, non sconfini in ottobre per questioni di traffico di mavicelle passeggeri e cargo. 

Per di più la Cristoforetti, settima astronauta italiana è stata la prima non russa a usare la tuta spaziale Orlan. Nonostante qualche incertezza della sala di controllo di Mosca (la storica Tsup) sulla scaletta degli interventi, la Cristoforetti se l'è cavata molto bene. Idem il veterano Oleg Artemeyev che voleva tutti i costi terminare il programma di 8 operazioni che si è invece fermato a 6 quando invece le tute Orlan stavano per terminare la riserva di ossigeno. Anche se non si conosce il russo (una delle sei lingue dell'italiana) era assai riconoscibile il tono dei dialoghi, tra rigidità della Tsup e fermezza di Artemeyev. Discussioni fra colleghi in un panoramicissimo ufficio. Affascina anche il modo in cui gli astronauti si spostano "galleggiando" sulle pareti esterne dell'Iss, sempre assicurato con due moschettoni come su una ferrata dolomitica.

Grazie poi a Paolo Baldo, esperto fra gli esperti dell'imperdibile sito Astronautinews si possono aggiungere altri record che finiranno nel cv della Cristoforetti grazie alla 251a Eva di 7 ore e 5 minuti allestita dall'Iss: si è detto prima europea dopo 15 americane, una russa e una cinese (taikonauta). L'unica donna non russa ad avere indossato l'Orlan era stata l'americana Peggy Whitson, ma solo per 4 ore e 23 minuti. In Europa l'Italia supera la Germania in fatto di Eva: 40 ore contro 34 (le altre ore italiane sono di Luca Parmitano). 

Le foto dei parenti sul "cruscotto"

Infine una curiosità: durante l'Eva i cosmonauti portavano con loro una sorta di borsa degli attrezzi su cui erano appiccicate foto di persone (nonchè il badge della missione Minerva) come quelle che si attaccano con una calamita sul frigorifero in cucina o - una volta usava - il cruscotto dell'auto, monito a essere prudenti (Va' piano, pensa a me). Chi è ritratto in quelle foto intraviste nello spazio? La risposta arriva sempre da Paolo Baldo: sono effettivamente foto di parenti e amici e colleghi quelle che gli astronauti portano con loro durante le passeggiate. E infatti il giorno dopo è arrivato anche un video sull'account TikTok  di Samantha Cristoforetti in cui, sulle note e le parole dell'azzeccata musica di "Carrying Your Love"  di David Morris, si nota non solo un sorriso in primo piano dell'astronauta ma anche - proprio sopra la "civetta" simbolo della missione Minerva - una foto di famiglia con il compagno Lionel Ferra e i figli Kelsi Amel e Dorian Lev. 

@astrosamantha Carry your love with me in space 💓 #MissionMinerva #EVA #SpaceTok ♬ Carrying Your Love - David Morris

Paolo Ricci Bitti

Panorama dell'Iss

 

Paolo Ricci Bitti

 

 

Qui il video in cui si scorge il volto di Samantha Cristoforetti

@astrosamantha What’s your workout routine?💪🏻 #SpaceWorkout #MissionMinerva #SpaceTok ♬ All Around the World(La La La) - R3hab / A Touch of Class

Ultimo aggiornamento: 30 Luglio, 20:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci