Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Russia brucia il gas al confine con la Finlandia, Ucraina: «Non sanno più a chi venderlo»

Dal 17 giugno le fiamme si alzano dalla stazione di compressione di Portovaya della società Gazprom

Venerdì 5 Agosto 2022 di Alessandro Rosi
Russia brucia il gas al confine con la Finlandia, Ucraina: «Non sanno più a chi venderlo»

Brucia il gas della Russia. Dal 17 giugno le fiamme si alzano dalla stazione di compressione di Portovaya della società Gazprom, al confine con la Finlandia. Le foto arrivano dalla costa di Virolahti, che si trova proprio accanto al confine orientale russo, e sono state diffuse dal giornale locale Yle. Ma la conferma arriva anche dalle immagini satellitari del sistema di monitoraggio degli incendi della NASA.

Putin, l'ultima idea dello zar: 100mila soldati dalla Corea del Nord in cambio di energia e grano

Russia brucia il gas, i possibili motivi

Atto sconsiderato o pianificato? Da maggio Putin ha chiuso i rubinetti del gas a Helsinki. Come i paesi baltici, Polonia e Bulgaria, la Finlandia ha rifiutato di pagare il gas in rubli. Le fiamme che sono state immortalate nelle stazioni di gas russo potrebbero indicare le difficoltà a immagazzinare il gas estratto. Secondo il ministro dell'Energia dell'Ucraina Herman Galushchenko, tali processi mostrano che le sanzioni occidentali continuano a vincolare i russi. «Invece di guadagnare miliardi di euro dalle forniture, i russi sono costretti a bruciare semplicemente nell'aria il gas estratto. I ricattatori stanno già avvertendo il danno e il periodo di tempo in cui possono ancora dettare le loro condizioni sta rapidamente diminuendo», ha scritto su Facebook e ha aggiunto che l'Occidente deve mantenere il regime delle sanzioni e rafforzarlo ancora di più.

 

Il fenomeno del flaring

Ci potrebbe anche essere un altro motivo dietro gli incendi. È probabile che le fiamme siano state causate dalla combustione di gas naturale nella stazione di compressione. Si tratta del flaring: la distruzione controllata e deliberata del gas in fiamme mediante combustione. Ma ci sono dei dubbi in questo caso. In base alle immagini satellitari della NASA, non è stato rilevato alcun incendio nell'area della stazione di compressione di Gazprom vicino al confine con la Finlandia, sulla costa del Golfo di Finlandia, prima di questo periodo.

Quando si ricorre al flaring?

«Se, ad esempio, si verifica un malfunzionamento in un terminale GNL o in un impianto di biogas, potrebbe essere necessario ricorrere al flaring, ad esempio, per mantenere costante la pressione nel serbatoio del gas», spiega a Yle Olga Väisänen, direttrice delle comunicazioni e della responsabilità della società energetica Gasum. In breve, si ricorre al flaring in caso di problemi. Ma non sembra questo il caso.

Ultimo aggiornamento: 7 Agosto, 11:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci