Repubblica Ceca, svolta a destra: trionfa il populista Babis, sconfitti i socialdemocratici

PER APPROFONDIRE: andrej babis, elezioni, repubblica ceca
Repubblica Ceca, svolta a destra: trionfa il populista Babis, sconfitti i socialdemocratici
Le elezioni parlamentari nella Repubblica Ceca sono finite con il trionfo assoluto di Andrej Babis, il magnate populista leader del movimento Ano ("Sì" in Ceco) 2011, detto anche il Trump ceco o Babisconi, che si è affermato con un grande distacco dagli altri otto partiti entrati in Parlamento. In una tornata elettorale che segna la totale debacle per i socialdemocratici, che potrebbero uscire dal governo per l'opposizione, lanciando un nuovo flop della sinistra europea. Volano, piazzandosi al secondo posto, i populisti di un partito anti-islam ed euroscettico. Babis, controverso imprenditore messo alla porta dal governo uscente per le accuse di frode che lo hanno travolto mentre occupava il dicastero alle finanze, è affidabile per il 30% dei cechi e adesso può diventare premier. È contro i migranti islamici, contro l'adozione dell'euro, contro il diktat di Bruxelles. Come il capo di Stato, Milos Zeman. E lo stesso Zeman ha più volte dichiarato di voler dargli la possibilità di formare il governo «anche se fosse stato in carcere» «Ringraziamo tutti gli 1,5 milioni di elettori che ci hanno dato la chance di formare il governo, nonostante la campagna diffamatoria di due anni. È favoloso, abbiamo vinto in tutte le regioni», ha affermato il magnate. «Siamo un movimento democratico, siamo filoeuropei. Voglio combattere a Bruxelles in favore degli interessi nazionali cechi», ha rassicurato, sottolineando di voler formare un esecutivi che dia stabilità al paese in tempi brevi. Non è affatto chiaro, però, con chi possa governare: fino a ieri, Babis è apparso isolato nello scacchiere politico nazionale. Il suo braccio destro, Jaroslav Faltynek, ha già annunciato di volersi rivolgere in primo luogo ai partner di governo, i socialdemocratici del Cssd e i popolari Kdu-Csl. Anche se il Cssd del premier Bohuslav Sobolka, precipitato al 7,2%, fa parte di coloro che sono stati chiaramente sconfitti. «Abbiamo combattuto, abbiamo perso», ha ammesso il leader Lubomir Zaoralek, evidentemente deluso. Secondo il ministro dell'interno Milan Chovanec, il Cssd sarebbe disposto a trattare sul nuovo governo con Ano ma senza «politici sotto accusa», altrimenti è pronto «a consolidarsi nell'opposizione». Un chiaro veto sul nome di Babis. Secondo l'agenzia Ctk, Ano potrebbe formare una coalizione a due con gli estremisti euroscettici e anti-islamici del Partito della Libertà e della democrazia diretta (Spd) dell'imprenditore ceco giapponese Tomio Okamura (10,68%). Esclusi dalle trattative non sono neanche i Pirati (10,74), o i comunisti non riformati (Kscm) con il 7,8%. Alcune formazioni - come i Civici democratici (Ods), il più forte partito della destra arrivato al secondo posto con l'11% - hanno dichiarato di non essere disposti ad accrdi con Ano. Origine slovacca, Andrej Babis, è proprietario della holding agrochimico e alimentare Afrofert, (oltre 250 imprese) e dal 2013 appartiene a lui anche il gruppo mediatico Mafra, che pubblica i più giornali più letti. In politica nel 2011, con la fondazione dell'Azione dei cittadini scontenti, alle elezioni parlamentari nel 2013 è arrivato secondo, ed è entrato nella coalizione governativa con il Cssd e il Kdu-Csl. Dal 2014 al 2017 Babis è stato vicepremier e ministro delle finanze. A febbraio 2017 i deputati sono riusciti a far passare - nonostante il veto del presidente - la normativa sul conflitto di interessi, la cosiddetta Lex Babis, per garantire l'imparzialità dei politici, ma il magnate aveva già rimediato, intestando le sue proprietà a fondi fiduciari. A maggio scorso Babis è stato sollevato dalle cariche governative dal premier, in seguito a operazioni finanziarie fraudolenti ed è stato travolto dallo scandalo su tentativi di influenzare i suoi media mentre ad agosto è arrivata l'accusa di frode sui finanziamenti Ue.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 21 Ottobre 2017, 19:53






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Repubblica Ceca, svolta a destra: trionfa il populista Babis, sconfitti i socialdemocratici
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2017-10-22 19:14:30
Solo i nostri sinistrosi fanno finta di non vedere e continuano imperterriti per lo Ius Solis. Fra pochi mesi spariranno pure loro.
2017-10-23 09:47:20
questi hanno il "Melius Soli...che male accompagnati"
2017-10-22 18:30:40
## Notizia purtroppo relegata ai minimi termini in quasi tutti i media nazionali. Ormai l'avanzata delle destre,in tutta europa,comincia a preoccupare. Avrete da preoccuparvi ancor di piu' in futuro, la marea sta montando .Personalmente sono molto contento di questo risultato nella Repubblica Ceka,e spero che il gruppo di Visegrad si rafforzi ( adesso si aggiunge probabilmente l'Austria) ,e che riesca a formare un blocco unico a difesa dei '' limes'' Occidentali, che tanti radical-chic comunisti vorrebbero vedere calpestati. Forza,che forse forse,poco poco,fermiamo l'invasione.