Putin e il nuovo piano, arruolati a forza disabili e alcolisti. «Ma la mobilitazione sarà un flop»

Dossier dell'Institute for the study of war. Tra le reclute al fronte iniziano gli ammutinamenti

Domenica 25 Settembre 2022 di Marco Ventura
Putin e il nuovo piano, arruolati a forza disabili e alcolisti. «Ma la mobilitazione sarà un flop»

Una corsa contro il tempo, contro la burocrazia, contro le falle sistemiche di un'organizzazione che fa acqua da tutte le parti. La mobilitazione parziale voluta da Vladimir Putin, che dovrebbe rafforzare la linea del fronte dopo il contrattacco ucraino, forse è già fallita. Un dossier dell'Isw (Institute for the study of war) offre un quadro impietoso del pantano. «La mobilitazione probabilmente non riuscirà a produrre le forze di riserva anche di bassa qualità che il piano di Putin avrebbe voluto generare, a meno che il Cremlino non aggiusti rapidamente alcuni problemi fondamentali e sistemici». Putin e il ministro della Difesa, Shoigu, avevano annunciato la mobilitazione di riservisti «pronti al combattimento» al fine di stabilizzare la linea del fronte e riprendere l'iniziativa sul campo di battaglia. I blogger militari scrivono però che centri militari di reclutamento, ufficiali e amministrazioni locali stanno arruolando uomini che non corrispondono ai criteri alla promessa di Shoigu di dare priorità a militari esperti.

Putin isolato: anche il "viceré" del Donbass contrario al referendum. E il sindaco di Mosca fa togliere le "Z" dalla città


GLI OBIETTIVI
Oppositori e canali Telegram avvertono che il Cremlino punta a completare la mobilitazione parziale per il 10 novembre e vuole arruolare 1.2 milioni di uomini, e non i 300mila dichiarati pubblicamente. La prima campagna di mobilitazione della Russia post-sovietica «travolge un sistema burocratico inefficiente e demotivato e potrebbe fallire l'obiettivo di generare una forza necessaria in tempi brevi o addirittura mai». I blogger denunciano pratiche illegittime di arruolamento. Utenti social lamentano che anziani, studenti, dipendenti di industrie militari e civili senza esperienze sul campo «stanno ricevendo chiamate illegali alle armi». Sarebbero, infatti, categorie esentate. Lo stesso portale del governo riporta che a livello locale «potrebbero essere mobilitati studenti part-time, a dispetto delle rassicurazioni del Cremlino». I reclutatori stanno «assegnando a uomini già esperti specializzazioni molto diverse da quelle in cui hanno servito, e altre fonti registrano l'arruolamento di persone con malattie croniche». Gli addetti alla mobilitazione sono spesso «demotivati e sottopagati». E c'è il rischio che i riservisti vengano mandati allo sbaraglio senza alcuna preparazione. Non c'è da stupirsi, osserva l'ISW, se in mezzo a una «guerra fallimentare» i primi giorni di una mobilitazione «in corsa» presentino difficoltà. Le strutture si sono rivelate «impreparate quanto le forze armate impegnate in Ucraina». Alcuni report indicano che ai responsabili regionali sono state assegnate quote di riservisti da reclutare troppo alte, costringendoli a fare errori. Scenario sconfortante, col rischio di provocare «rabbia e sfiducia verso le istituzioni federali».

Putin: «Pene più dure a chi diserta o si arrende». Cina: «Evitare che il conflitto si allarghi»


LE PROTESTE
Circolano i video di persone mobilitate che discutono con gli ufficiali, «rifiutandosi di servire in base a ordini illegali». Malcontento accresciuto dal fatto che i riservisti sono chiamati a combattere una guerra d'aggressione, lontana da casa. I blogger ultra-nazionalisti si augurano che la mobilitazione favorisca un'avanzata nel Donetsk, tuttavia temono che la gestione problematica dei nuovi arruolamenti possa creare le condizioni per una ribellione di separatisti e oppositori, che si aggiungerebbe allo scontento per «ineguaglianze nella creazione di battaglioni di volontari nelle diverse Repubbliche». Il leader ceceno Kadyrov, grande sostenitore di Putin, ha detto in un programma tv che la Cecenia non farà la mobilitazione avendo già ottemperato al 254 per cento ai programmi federali. «Parole poi parzialmente corrette, un indicatore allarmante per il Cremlino se perfino Kadyrov sente il rischio del risentimento popolare per la mobilitazione, e ne ha paura».

 

Ultimo aggiornamento: 26 Settembre, 08:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci