Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Professoressa russa condannata a cinque anni per aver parlato in classe della guerra. Tribunale: «Dissemina false informazioni»

Irina Gen è stata denunciata a marzo dopo che uno dei suoi studenti ha pubblicato online una registrazione in cui spiegava ai ragazzi perché non potevano viaggiare in Europa

Sabato 6 Agosto 2022
Professoressa russa condannata a cinque anni per aver parlato in classe della guerra. «Dissemina false informazioni»
2

Una professoressa russa è stata condannata a cinque anni di carcere per aver parlato della guerra in Ucraina. Il tribunale di Penza, 500 chilometri a sud-est di Mosca, ha dichiarato Irina Gen colpevole di «aver screditato le forze armate russe». In base a una nuova legge, in Russia è infatti vietata qualsiasi critica alle scelte di Putin sulla politica internazionale.

Tv di Stato critica i giovani russi: «Non sono disposti a morire in Ucraina per Putin» 

Professoressa russa condannata, la pena

La professoressa ha ricevuto la sospensione della pena. All'insegnante di inglese, 45 anni, sarà inoltre impedito di lavorare nelle scuole statali per tre anni. Il tribunale di Penza ha ritenuto che lei "dissemina false informazioni", raccontando ai suoi studenti l'assedio di Mariupol e gli attacchi aerei russi che uccidono bambini in Ucraina.

La denuncia partita da uno studente

Irina Gen è stata denunciata a marzo dopo che uno dei suoi studenti ha pubblicato online una registrazione in cui spiegava alla classe perché non potevano più viaggiare in Europa per una competizione sportiva. L'insegnante ha detto ai suoi studenti adolescenti che la Russia "non sarà la benvenuta da nessuna parte finché non inizierà a comportarsi in modo civile" e che Mosca stava cercando di rovesciare un governo legittimo in Ucraina e di uccidere i civili lì.

Le critiche verso le nuove leggi del Cremlino

È stata ascoltata criticare la nuova legge sulla censura di guerra e ha affermato che qualsiasi manifestazione pubblica di dissenso ora scatenerà una pena detentiva: "Tutti noi saremo gettati in prigione per 15 anni". Gli agenti di polizia russi arrestano due donne durante una protesta contro la guerra a Mosca Migliaia di persone sono state arrestate in Russia per aver protestato contro la guerra. 

 

Le altre condanne

Almeno 3.000 persone sono state multate per aver diffamato l'esercito russo da quando il disegno di legge è stato introdotto a marzo, secondo Agora, un'associazione russa per i diritti umani. Oltre 80 persone hanno affrontato accuse penali piene di lunghe pene detentive. In uno dei casi più eclatanti, il mese scorso il consigliere di Mosca Alexei Gorinov è stato condannato a sette anni di carcere per osservazioni contro la guerra in un incontro pubblico.

Ultimo aggiornamento: 19:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci