Petroliere attaccate, gli Usa mandano altri mille soldati in Medio Oriente

PER APPROFONDIRE: attaccate, mille, petroliere, soldati, usa
Petroliere attaccate, gli Usa mandano altri mille soldati in Medio Oriente
Golfo di Oman, dopo gli attacchi della scorsa settimana a due petroliere, l'Amministrazione Trump invierà altri mille soldati in Medio Oriente. Lo ha annunciato il ministro della Difesa pro tempore Patrick Shanahan. Il contingente, ha detto, verrà inviato a «scopi difensivi per fare fronte alle minacce aeree, navali e di terra in Medio Oriente». Inoltre, il contingente contribuirà a garantire la sicurezza del personale militare che opera nella regione e a proteggere gli interessi nazionali degli Stati Uniti. La decisione, ha affermato ancora Shanahan , fa seguito ad una richiesta del Comando centrale Usa (Centcom) e a «consultazioni con la Casa Bianca». Il segretario alla Difesa ha ribadito che gli Stati Uniti non vogliono un conflitto con l'Iran, ma «continueranno a monitorare la situazione e a modificare i livelli delle forze, in funzione delle informazioni di intelligence riguardanti minacce credibili». Ieri, il Pentagono ha diffuso nuove immagini che secondo gli Stati Uniti dimostrano le responsabilità iraniane negli attacchi alle petroliere.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 18 Giugno 2019, 09:51






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Petroliere attaccate, gli Usa mandano altri mille soldati in Medio Oriente
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-06-18 13:33:17
In casi come questo, di evidenti interessi estranei alla gran parte dei partner NATO, noi italiani abbiamo il dovere di non parteggiare, od al massimo di sostenere la parte offesa, ovvero l'Iran. Chiamato in causa con evidenti falsita', paragonabili ai gas nervini di Saddam.
2019-06-18 10:29:52
E si loro fanno presto, altri 1000 e poi ancora,solo che poi presentano il conto alla Nato e agli alleati Italia compresa,la differenza ( x L'Europa) che qui nessuno protesta per i soldi dati.