In coma etilico: paziente salvato grazie alla trasfusione con 15 lattine di birra

PER APPROFONDIRE: alcol, birra
Paziente in coma etilico rischia la vita: salvato grazie alla trasfusione con 15 lattine di birra

di Alessia Strinati

Era in gravi condizioni, poi i medici lo salvano grazie alla birra. Nguyen Van Nhat ha rischiato di morire di avvelenamento da alcol, i medici credevano che non ci fosse più nulla da fare per lui, ma prima hanno fatto un ultimo disperato tentativo riempiendogli lo stomaco con 15 lattine di birra. Il metodo, sicuramente insolito, ha però funzionato e il 48enne è riuscito a sopravvivere.

L'uomo aveva un tasso alcolemico di circa 1000 volte superiore al limite consentito per legge, come riporta anche il Daily Mail, quando è arrivato nell'ospedale di Quang Tri, in Vietnam, le sue condizioni erano disperate. L'uomo è stato messo in terapia intensiva: «Per salvargli la vita, abbiamo trasfuso tre lattine (un litro) di birra per rallentare l'elaborazione del metanolo da parte del fegato», poi hanno continuato con una lattina per ogni ora che passava, e arrivati alla 15esima ha iniziato a riprendersi.

Il medico ha spiegato che dopo l'assunzione di massicce quantità di alcol, pur smettendo di bere, l'intestino e lo stomaco continuano a rilasciare alcol. Questo alcol rischia di ossidarsi e diventare velenoso per il nostro organismo, la continua somministrazione di alcol ha dato tempo ai medici di ritardare questo processo di ossidazione e fare in modo che la dialisi facesse effetto.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 18 Gennaio 2019, 16:41






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
In coma etilico: paziente salvato grazie alla trasfusione con 15 lattine di birra
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2019-01-19 13:37:32
Si dice che la regione sia interessata alla tecnica in questione, ben venga.
2019-01-19 10:33:27
§§ ...ostia, dov'e' sto ospedale....ah si,a Quang-Tri,che se alla birra aggiungono saeng-som mi ci faccio ricoverare pure io.
2019-01-19 11:01:07
@@ altro che l'ospedale dove purtroppo vado di solito,che mi tocca sempre litigare con le inservienti del menu'.Io chiedo sempre mezzo litro di vino o birra col pasto,e loro,antipatiche, mi dicono '' ma Lei e' matto'' ?? Beh,rispondo io '' matto no,ma imbriago si '' !!
2019-01-19 12:48:29
@@ naturalmente quella che mette i ditini deve essere l'inserviente del reparto,o la bidella francese dell'ospedale.Hahaha,ruspa galina,ruspa. E scaldati le mani,perche' se esce la news su una certa escort russa,ho pronta una storia che ti ravviva il week end.
2019-01-19 10:28:13
Ad essere pignoli il termine deve essere infusione NON trasfusione. Altrimenti sembra che gli hanno iniettato in vena 15 litri di birra (un adulto sano ha da 5 a 8 litri di sangue, in base al peso). L'articolo spiega meglio la tecnica: infondendo birra nello stomaco con un sondino (perche' il paziente in coma non poteva bere dalla lattina) hanno protetto il fegato che capta e metabolizza per primo l'etanolo (l'alcol comune) lasciando in circolo il metanolo (l'alcol tossico, presente pero' nella grappa non tagliata di "testa e coda" o nei vini adulterati) che avrebbe distrutto il fegato e provocato danni a cervello e vista. Intanto con la dialisi eliminavano il metanolo