Femminicidi, il Parlamento Ue chiede una legge per inserire le violenze tra gli eurocrimini

Giovedì 16 Settembre 2021 di Franca Giansoldati
Femminicidi, il Parlamento Ue chiede una legge per inserire le violenze tra gli eurocrimini
1

Il Parlamento europeo ha approvato la relazione per inserire i reati contro le donne tra gli eurocrimini. E' un passo avanti fondamentale per la battaglia di tanti paesi per sradicare la violenza e il femminicidio dalla vita delle donne. Ora si aspetta che venga avviata la procedura per la modifica del Trattato dell'Ue. 

La notizia di questo grande passo in avanti fa da cornice ad un agghiacciante elenco di donne ammazzate dai propri compagni, mariti o fidanzati che, solo in Italia, ha raggiunto 84 vittime nel 2021, l'ultimo caso è quello della 21enne Alessandra Zorzin, uccisa con un colpo di pistola nel vicentino. 

La risoluzione europea in pratica chiede una legge e delle politiche mirate per affrontare tutte le forme di violenza e discriminazione basate sul genere, contro donne e ragazze, ma anche contro le persone Lgbtiq+, sia offline che online. 

«Il femminicidio e' la forma piu' estrema di violenza di genere contro le donne e le ragazze», si sottolinea da Strasburgo, dove gli eurodeputati evidenziano che «anche negare l'assistenza all'aborto sicuro e legale e' una forma di violenza di genere». 

La violenza di genere si è amplificata per effetto della pandemia e del lockdown che ha costretto entro le mura domestiche le famiglie. Spesso, hanno affermato gli europarlamentari, le vittime di violenza nemmeno denunciano per una mancanza di fiducia verso le autorita' di polizia e del sistema giudiziario. Un ulteriore elemento che contribuisce a fare affiorare in pieno il fenomeno mediante le denunce. 

L'Eurocamera ha chiesto alla Commissione di inserire la violenza di genere nella sfera di criminalita' ai sensi del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea. 


 

Ultimo aggiornamento: 19:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA