Oms: salgono i morti per tubercolosi per la prima volta in 10 anni, effetto pandemia

Venerdì 15 Ottobre 2021
Oms: salgono i morti per tubercolosi per la prima volta in 10 anni, effetto pandemia

Per la prima volta in 10 anni nel mondo aumentano i morti per tubercolosi. A spiegare l'incremento ci sarebbe un «effetto pandemia: Covid-19», secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), «che ha invertito anni di progressi gloali nella lotta alla Tbc». L'accesso ridotto alla diagnosi e al trattamento della malattia infettiva »ha comportato un aumento dei decessi, stimati per il 2020 a quota 1,3 milioni tra le persone Hiv-negative, rispetto a 1,2 milioni nel 2019.

A questo dato si aggiungono ulteriori 214mila morti tra persone sieropositive (erano 209mila nel 2019). Il totale di queste due voci riporta le vittime della Tbc ai livelli del 2017. Anche il declino registrato nel numero di nuove infezioni annue da tubercolosi è rallentato. E «le proiezioni suggeriscono che il numero di persone che sviluppano la Tbc e muoiono a causa della malattia potrebbe essere molto più alto nel 2021 e nel 2022». A segnalarlo è il rapporto globale 2021 dell'agenzia Onu per la salute.  Nel 2020, mentre il mondo era impegnato a fronteggiare la fase più dura dell'emergenza Covid, sono morte più persone di tubercolosi, ma sono state molte meno quelle che hanno ricevuto la diagnosi e sono state curate o trattate con cure preventive per la tubercolosi rispetto al 2019 e la spesa complessiva per i servizi essenziali per la tbc è diminuita. La prima sfida è l'interruzione dell'accesso ai servizi e anche una riduzione delle risorse.

Green pass obbligatorio, il rischio paralisi non esiste: 9 lavoratori su 10 col certificato

In molti Paesi, risorse umane, finanziarie e di altro tipo sono state spostate dalla lotta alla tubercolosi alla risposta a Covid limitando la disponibilità di servizi essenziali. Le persone hanno inoltre avuto problemi per cercare assistenza sanitaria nel contesto di lockdown. «Questo report - sottolinea il Dg dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus - conferma i nostri timori sul fatto che l'interruzione dei servizi sanitari essenziali causa pandemia potesse iniziare a mandare in fumo anni di progressi contro la tubercolosi».  L'aumento delle morti per la prima volta in oltre un decennio «è una notizia allarmante che deve servire da campanello d'allarme globale all'urgente necessità di investimenti e innovazione per colmare le lacune nella diagnosi, nel trattamento e nell'assistenza per i milioni di persone colpite da questa malattia antica ma prevenibile e curabile», aggiunge il Dg dell'Oms.

Ultimo aggiornamento: 16 Ottobre, 11:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA