Omicron 2, la sotto-variante che spaventa la Gran Bretagna: primi 53 casi, altri 20 in Israele. «Potrebbe essere più violenta»

Dei primi sequenziamenti si parlava già a dicembre, quando i media l'avevano definita "variante invisibile"

Venerdì 14 Gennaio 2022 di Marco Prestisimone
Omicron 2, la sottovariante che spaventa la Gran Bretagna: «Potrebbe essere più violenta»
2

La Gran Bretagna torna sotto i 100mila casi giornalieri per la prima volta dal 21 dicembre, tanto che a Londra si torna a parlare di addio al Green pass. A lanciare però un primo allarme su una sottovariante di Omicron è l'Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito che venerdì ha avvertito di essere risalita a 53 sequenze di un sotto-lignaggio di Omicron, denominato BA.2, di cui si parla già da dicembre, spiegando che verrà monitorata con attenzione. Perché i primi 53 casi arrivano dopo che già Israele ne aveva rilevati 20 durante il sequenziamento genetico dei pazienti Covid. «Questa variante contiene più mutazioni di Omicron e - secondo il Business Standard - potrebbe essere più violenta». Anche se gli scienziati sono preoccupati per la nuova sottovariante - si legge sui tabloid inglesi - si sa poco dei pericoli che essa comporta.

La sottovariante BA.2 è stata riscontrata per la prima volta in Cina poche settimane fa, tuttavia gli esperti sospettano che la mutazione abbia avuto origine in India. Il media statale Kan ha riferito che la sottovariante è stata osservata anche in Danimarca, Australia, Canada e Singapore. 

Omicron meno letale perché i virus si indeboliscono con il tempo? Falso, la teoria di Smith è superata

La sotto-variante Omicron BA.2

Della sotto-variante Omicron BA.2 si parla già dallo scorso dicembre in Gran Bretagna, tanto che era stata definita Omicron 2. I britannici l'avevano ribattezzata (impropriamente) «stealth variant» (variante invisibile) perché date le 38 mutazioni condivise con la Omicron "primaria" (BA.1) era indistinguibile con i test PCR usati per le statistiche sulla diffusione di Omicron nel mondo. Il Times of India aveva spiegato che circa l'80% dei casi nella città di Calcutta riguardava questa specifica sottovariante. 

 

 

Ultimo aggiornamento: 15 Gennaio, 15:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA