Ufo disattiva 10 testate nucleari in una base militare: l'avvistamento e la mail non lasciano dubbi al Pentagono

Due veterani dell’Air Force confermano la vicenda alla commissione che indaga

Giovedì 23 Febbraio 2023 di Marta Giusti
Un Ufo ha disattivato 10 testate nucleari in una base militare: l'avvistamento e la mail non lasciano dubbi al Pentagono

Dalle bombe atomiche ci salveranno gli ufo. Due veterani dell’Air Force confermano alla commissione che indaga che nel 1967 un Ufo ha disattivato 10 testate nucleari in una base del Montana.

Il dilagare degli avvistamenti dopo le prime esplosioni atomiche.

L'ufficio UFO del Pentagono sta indagando su rapporti storici di oggetti misteriosi che hanno interferito con silos missilistici nucleari chiave.

Cosa è successo

Due veterani dell'Aeronautica Militare hanno dichiarato di aver testimoniato questo mese all'Ufficio per la risoluzione delle anomalie su tutto il territorio (Aaro) le loro esperienze di interferenza degli Ufo con i missili nucleari statunitensi.

Un'e-mail mostra che lo staff dell'AARO ha contattato l'ex ufficiale di lancio dei missili intercontinentali dell'Aeronautica statunitense Robert Salas per raccogliere informazioni sul suo agghiacciante incontro con un disco volante arancione che ha inspiegabilmente spento 10 testate alla base aerea di Malmstrom, nel Montana, nel 1967.

«TikTok va disinstallata», la Commissione europea la vieta ai dipendenti

Un altro ex ufficiale, il dottor Robert Jacobs, ha informato l'Aaro su un filmato da 35 mm che girò per l'Aeronautica nel 1964 e che avrebbe ripreso un disco volante mentre sparava un missile di prova dal cielo.

I resoconti offrono un raro sguardo sul lavoro, spesso riservato, dell'unità governativa incaricata di esaminare i fenomeni non identificati nell'aria, nel mare e nello spazio.

Il direttore dell'AARO, il dottor Sean Kirkpatrick, sta intervistando altri nove testimoni di casi simili, secondo l'autore Robert Hastings, che in precedenza ha parlato con 167 veterani riguardo a "più di un centinaio di incursioni Ufo in siti di armi nucleari durante l'era della Guerra Fredda e oltre".

Hastings ha scritto un libro sugli incidenti intitolato UFO and Nukes: Extraordinary Encounters at Nuclear Weapons Sites.In un post sul blog di domenica, ha rivelato che Kirkpatrick gli aveva chiesto di metterlo in contatto con Salas, Jacobs e altri testimoni, dopo che un collaboratore del Senato senza nome aveva letto il libro e lo aveva raccomandato al direttore dell'AARO per un'indagine.

Salas, 82 anni, ha dichiarato di essere rimasto colpito da questa iniziativa, dopo che per decenni la sua storia è stata ignorata o negata dal governo.

V«olevo raccontare la mia storia a un'agenzia governativa da oltre 50 anni», ha dichiarato Salas «Ho fornito loro un rapporto completo sugli incidenti di Malmstrom».

Un collaboratore dell'AARO ha scritto a Salas venerdì scorso, ringraziandolo per aver fornito prove all'ufficio Ufo, in un' e-mail. «Voglio trasmettere un grande "grazie" da parte del team AARO», si legge nell'e-mail. «La tua dedizione a questo problema e le risorse, il tempo e l'energia che hai investito nella ricerca e nella documentazione della tua esperienza e degli eventi associati sono molto apprezzati».

Sono lieto che siamo stati finalmente in grado di documentare questo resoconto e queste prove negli archivi dell'intelligence e che includeremo queste informazioni nella nostra indagine come divulgazione autorizzata in conformità con il FY23 NDAA [National Defense Authorization Act].

I file Ufo

Salas ha raccontato la sua rabbia per il fatto che i capi del Pentagono sembravano non essere a conoscenza dell'inquietante e inspiegabile arresto delle testate nucleari statunitensi nella sua base di Malmstrom, quando è stato interrogato in merito all'udienza pubblica del Congresso sugli UFO a maggio.

Da allora è stato firmato il NDAA 2023, la legge annuale di spesa per la difesa, con un emendamento che richiede all'AARO di esaminare i file governativi su tutti gli incidenti UFO che risalgono al 1945 - spiegando l'interesse di Kirkpatrick per il caso Malmstrom del 1967.

Il presunto pallone spia cinese abbattuto dai caccia statunitensi questo mese ha volato anche vicino a Malmstrom e ad altri silos nucleari, facendo scattare le misure di sicurezza di emergenza in quelle basi.

Salas ha twittato la sua e-mail con il funzionario dell'AARO venerdì, e il ricercatore UFO David Haith ne ha condiviso una copia su Twitter. 

Hastings ha scritto nel suo post sul blog di aver avuto un confronto telefonico il 13 gennaio con Kirkpatrick, altri due membri dello staff dell'AARO e un ricercatore del Congresso, e di averli successivamente messi in contatto con 11 veterani per fornire prove di presunte interferenze degli UFO con le difese nucleari americane.

«Dal 1973 ho intervistato 167 di questi veterani in merito alle loro esperienze», ha scritto Hastings. Kirkpatrick mi ha chiesto se fossi in grado di contattare gli individui con cui sono ancora in contatto, per sapere se sarebbero disposti a testimoniare davanti ai membri dello staff dell'AARO.

Ho suggerito allo staff di Kirkpatrick di contattare innanzitutto l'ex ufficiale di lancio dei missili intercontinentali dell'aeronautica statunitense Bob Salas, che era in servizio durante un incidente avvenuto a Malmstrom AFB, nel Montana, il 24/25 marzo 1967, quando un UFO arancione a forma di disco si era brevemente librato sopra il cancello anteriore della struttura di controllo del lancio di Oscar Flight.

 

Pochi secondi dopo che una delle guardie di sicurezza di Salas aveva chiamato freneticamente la capsula di lancio per riferirgli dell'Ufo, tutti e dieci gli Icbm sono caduti fuori linea, uno dopo l'altro. In altre parole, non erano lanciabili e ci sono volute diverse ore per ripararli e reindirizzarli".

Nonostante l'esercito abbia avviato un'indagine e abbia redatto una serie di rapporti, non è stata trovata alcuna spiegazione per lo spegnimento dei missili.

Salas e i suoi colleghi hanno detto di essere stati intervistati all'epoca da agenti dell'Air Force Office of Special Investigations e di aver firmato degli Nda.

Nel 1996, però, ha rotto il silenzio scrivendo un articolo sull'incidente e nel 2010 Salas e altri ex ufficiali militari hanno tenuto una conferenza stampa televisiva a Washington DC per mettere in guardia sulla presunta minaccia alla sicurezza rappresentata dalle segnalazioni di strani dischi e sfere che sembrano sorvolare impunemente i siti nucleari statunitensi.

Il racconto

Jacobs, un altro ex ufficiale dell'Air Force che ha testimoniato all'AARO questo mese, era a capo di una squadra di telecamere telescopiche che filmava i lanci di prova dei missili alla base aerea di Vandenberg, in California, negli anni Sessanta.

Egli afferma di aver rivisto il filmato di un lancio del 15 settembre 1964 in cui un disco si avvicinò al missile in movimento, gli sparò una serie di «raggi» e si allontanò, facendo cadere dal cielo la testata fittizia.

«Abbiamo visto il terzo stadio bruciare e nell'inquadratura è entrato qualcos'altro», ha detto l'ex tenente, 84 anni, in un'intervista video del 2000. È volato nell'inquadratura e ha sparato un raggio di luce sulla testata.Ora ricordate, tutta questa roba vola a diverse migliaia di chilometri all'ora. Quindi questa cosa spara un fascio di luce verso la testata, la colpisce e poi si sposta verso l'alto... spara un altro fascio di luce... scende e spara un altro fascio di luce, e poi vola via da dove è entrato. E la testata cade nello spazio».

«L'oggetto, i punti di luce che abbiamo visto, la testata e così via, viaggiavano nel subspazio a circa 60 miglia di altezza. Stavano andando a circa 11.000-14.000 miglia all'ora quando questo UFO li ha raggiunti, è entrato, ha volato intorno a loro ed è tornato fuori. L'ho visto. Non me ne frega niente di quello che dicono gli altri. L'ho visto su pellicola. Ero lì».

Jacobs ha detto che il suo capo, il maggiore Florenze J. Mansmann, gli aveva detto di non parlare del filmato, che aveva visto con lui in una riunione con due ufficiali della CIA nei giorni successivi all'incidente.

Mansmann, morto nel 2000, ha confermato il resoconto in una lettera del maggio 1987 al ricercatore di UFO Scott Crain, e ha detto di aver visto il video quattro volte prima che gli ufficiali della CIA lo spedissero in una località non rivelata sulla costa orientale. 

Ho ordinato al tenente Jacobs di non discutere con nessuno di ciò che aveva visto a causa della natura del lancio, del fallimento della missione di lancio e della probabilità che la strumentazione ottica (il filmato) mostrasse un'interferenza con i normali schemi di lancio", ha scritto Mansmann.

«L'oggetto aveva la forma di un disco volante. Ho rilasciato il filmato al capo scienziato».

Jacobs ha dichiarato  di aver testimoniato all'AARO il 10 febbraio.

«Ho trovato l'intervista più sensibile, più onesta e più accogliente che abbia mai avuto su questo argomento», ha dichiarato.Alla fine della nostra chiacchierata, ho detto: "Ho cercato per oltre 40 anni di convincere il governo ad ascoltare la mia testimonianza". E lui mi ha risposto: «L'hai appena fatto». «Il governo ha finalmente ascoltato. Non so a chi daranno la prossima caccia. Ma ho molta fiducia in questa organizzazione, tanta quanta ne ho avuta in qualsiasi governo», cpnclude Jacosb.

Ultimo aggiornamento: 19 Marzo, 04:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA